Ambito: migranti. Il Prefetto aggiorna i sindaci sul tema

banner blavellidesktop1105ok-87321.jpg
È stato l’aggiornamento con la Prefettura riguardo agli insediamenti dei migranti il primo punto all’ordine del giorno della riunione dell’Ambito  svoltasi nel pomeriggio di martedì 19 settembre in sala consiliare a Merate. Alla riunione ha preso parte il Prefetto lecchese Sergio Pomponio e per sua volontà il punto è stato discusso a porte chiuse. Da ciò che è stato potuto apprendere informalmente però, Sua Eccellenza si è appellato ai primi cittadini del meratese e del casatese chiedendo a ognuno di fare la propria parte sul tema. A questo proposito pare che non siano stati forniti numeri certi riguardo a possibili arrivi – nell'imminente futuro – nella nostra provincia, ma che si sia sviscerata la questione relativa all'ospitalità. Risulta che il distretto di Merate abbia accolto meno rispetto a quelli di Lecco e Bellano per il momento. Del resto l’unica struttura presente nel meratese è il CAS (Centro di accoglienza straordinaria) di Airuno, dove pare siano ospitate circa un centinaio di persone al momento. 

Ambito_riunione_.jpg (65 KB)

Proprio nei giorni scorsi il gruppo consiliare “Airuno Aizurro al centro” ha protocollato un’interrogazione per il sindaco Alessandro Milani sul tema. A seguito di segnalazioni informali ricevute dai cittadini, il gruppo ha chiesto al primo cittadino se è vero che sono stati recentemente installati degli spazi aggiuntivi (in particolare dei container) presso il CAS volti a ospitare dei richiedenti asilo e migranti sul territorio comunale. Salvo cambi di programma, la risposta all’interrogazione dovrebbe pervenire durante il consiglio comunale di lunedì 2 ottobre. 


AmbitoRiunione2.JPG (63 KB)
Il Prefetto lecchese Sergio Pomponio

Ma tornando alla riunione dell’ambito, a fronte di eventuali e nuovi arrivi è stato ipotizzato (e chiesto) di mettere a disposizione aree comunali, piuttosto che campi da calcio su cui potrebbero essere installati eventualmente moduli, visto che il meratese – al contrario ad esempio della città o della Valsassina – non sembra essere dotato di strutture dismesse deputate all'accoglienza. Il discorso è stato fatto solo in ottica preventiva e non sarebbero stati dati ultimatum. Nella serata di mercoledì 20 settembre si terrà la conferenza congiunta dei sindaci del meratese e del casatese, durante la quale verrà nuovamente trattato il tema.
Invia un messaggio alla redazione

Il tuo indirizzo email ed eventuali dati personali non verranno pubblicati.