• Sei il visitatore n° 466.887.466
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 27 aprile 2020 alle 13:09

Cambia Merate ''interroga'' l'aula sull'utilizzo di un drone per i controlli di polizia e domanda ''rassicurazioni'' sulla privacy



La minoranza di Cambia Merate nello spazio dedicato al question time chiederà chiarimenti sull'utilizzo dei droni per i controlli di polizia locale in particolare il rispetto delle misure inerenti l'emergenza coronavirus. A seguito infatti della comunicazione dell'adozione di tale strumentazione per sorvegliare eventuali assembramenti o comunque trasgressioni delle imposizioni previste dal decreto, i consiglieri guidati da Aldo Castelli chiedono una serie di chiarimenti e rassicurazioni circa l'utilizzo del drone da parte della società incaricata dal comune, nonché garanzie sulla conservazione e l'accesso ai dati personali, sulle modalità di ripresa delle immagini nel rispetto della privacy e ad oggi quante sanzioni siano state elevate. Ecco il testo dell'interrogazione:
Alla c.a. Sindaco Comune di Merate
 Sig. Massimo Panzeri


Merate, 27 aprile 2020

Oggetto: QUESTION TIME – Interrogazioni a risposta immediata, ai sensi dell’art. 53 del "Regolamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari" del Comune di Merate, in relazione all’utilizzo di Aeromobili a Pilotaggio Remoto per il controllo di persone

Egr. Sig. Sindaco,
con comunicazione del 10 aprile 2020 pubblicata sul sito comunale è stata data informazione dell’utilizzo di Aeromobili a Pilotaggio Remoto (droni) per il controllo delle persone, con particolare riferimento al rispetto delle norme in materia di limitazione delle libertà personali a seguito dell’emergenza pandemica determinata dal virus Covid-19.
L’impiego degli strumenti sopra citati è stato condotto da soggetti privati in ausilio del Comando di Polizia Locale, come si evince dalla medesima comunicazione. Tutto ciò premesso, i sottoscritti consiglieri comunali del Gruppo “Cambia Merate! con Aldo Castelli”, alla luce del necessario bilanciamento tra gli insopprimibili diritti di libertà fondamentali e l’esercizio di compiti di polizia di prevenzione dei reati, di tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica, nonché di polizia giudiziaria, chiedono di conoscere:
1. data del provvedimento autorizzativo ex art. 3, comma quarto, d.P.R. 15 gennaio 2018 n. 15;
2. se il/i soggetto/i incaricato/i in ausilio della Polizia Locale sia stato formalmente nominato
ausiliario di polizia giudiziaria, ai sensi dell’art. 348 c.p.p.;
3. numero di persone controllate nell’ambito delle attività d’istituto della Polizia Locale mediante o con l’ausilio di Aeromobili a Pilotaggio Remoto dal 23 febbraio 2020 ad oggi, numero di sanzioni amministrative irrogate in violazione della disciplina di cui al D.l. 23 febbraio 2020 n. 6, convertito dalla legge 5 marzo 2020 n. 13, e al D.l. 25 marzo 2020 n. 19, attuata mediante d.p.C.m. 8, 11 e 22 marzo nonché 1° e 10 aprile 2020 e, eventualmente, numero di notizie di reato trasmesse all’Autorità giudiziaria;
4. quali garanzie siano state fornite in relazione alla protezione dei dati personali, disciplinata, tra l’altro, dal d.Lgs. 30 giugno 2003 n.196, dal regolamento UE n. 2016/679 e dal d.P.R. 15 gennaio 2018 n. 15, in particolare se vi sia raccolta, elaborazione e archiviazione delle immagini di ripresa, chi ha accesso a tali dati e quali misure sono utilizzate per prevenire gli usi non consentiti, che tipo di riprese sono effettuate (in particolare se vengono ripresi anche luoghi della vita privata), come è possibile avere accesso a tali dati e, infine, la modalità e il termine della loro distruzione.
Cordialità.

Aldo Castelli, Patrizia Riva, Gino del Boca,
Alessandro Pozzi, Roberto Perego

Articolo correlato:
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco