Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 345.175.576
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 14/07/2020

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 15 µg/mc
Lecco: v. Sora: 16 µg/mc
Valmadrera: 14 µg/mc
Scritto Venerdì 24 aprile 2020 alle 15:30

Lecco supera Roma nella classifica dei capoluoghi con reddito pro capite più alto. In provincia nessuno come Montevecchia

Il Ministero dell'Economia ha diffuso nella giornata di giovedì 23 aprile i dati sul reddito imponibile pro capite riferiti al 2018. Se la classifica dei primi dieci capoluoghi italiani con maggiore reddito appare diversa rispetto all'anno scorso è solo merito di Lecco che ha conquistato una posizione, passando da decima a nona scavalcando Roma. Al vertice resta il triangolo più ricco d’Italia: Milano, Bergamo e Monza. La media del reddito imponibile pro capite della città è di 25.499 euro, aumentato rispetto alle dichiarazioni del 2017 di 176 euro (era di 25.323 euro).

Nessuno dei Comuni lecchesi si trova tuttavia nelle posizioni più alte della classifica generale, che vede ancora Basiglio, in provincia di Milano, al primo posto con un reddito medio di 45.645 euro, seguito da Lajatico, in provincia di Pisa, con 45.080 euro, e Tremezzina, nel comasco, con 45.033.
Notevole il balzo fatto registrare dal Comune di Celle Ligure, in provincia di Savona, che ottiene il 6° gradino dopo aver recuperato in un anno ben 543 posizioni. Nel lecchese il paese dove i contribuenti hanno il reddito medio più alto è Montevecchia, con 29.810 euro (lo era anche con i redditi del 2017, con 29.128 euro, dato andato migliorando). Merate ha raggiungo nel 2018 una cifra pari a 25.985 euro (era di 26.142 euro nel 2016), Casatenovo di 24.704 euro (24.390 euro nel 2017), mentre Oggiono di 24.700 euro (24.211 nel 2017).

I Comuni dove le dichiarazioni sono più basse nel lecchese risultano essere Pagnona (15.345 euro, nel 2017 era di 15.625) e Sueglio (16.519 euro contro i 16.850 euro dell’anno prima). Se Montevecchia e Imbersago (reddito medio 27.723 nel 2018) si confermano i due Comuni più floridi del lecchese mantenendo rispettivamente la prima e la seconda posizione, c'è anche chi come Varenna ha perso diverse posizioni, passando dalla terza del 2017 all'11esima di quest'anno.
Il reddito medio imponibile della perladel lago è passato infatti da 26.975 a 25.196 euro. A prendere il suo posto è Ello (27.290). In risalita anche Merate, che passa dall'ottavo al quinto posto, e Lecco, dall'undicesimo al nono.

(Clicca sull'immagine per la classifica completa)

Nella relazione diffusa da In.Twig, agenzia di ricerca e analisi di dati, si evidenzia di come in Italia vi sia sempre più una differenza marcata tra Nord, dove il reddito medio dichiarato continua ad aumentare, e Sud, dove invece diminuisce costantemente.

Clicca qui per scaricare l'analisi di In.Twig
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco