Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 438.703.258
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 14 aprile 2020 alle 14:30

Brivio e Calco sul podio più alto per operatività e comunicazione, al 2° posto Cernusco e Osnago. In fondo Robbiate e Airuno

Su tutte le valutazioni si può senz'altro discutere ma non sul fatto che ciascun comune abbia agito in totale autonomia, senza alcuna regia centralizzata, ben lontana da quella "compattezza" di cui ha parlato il Sindaco di Merate in una memorabile (e interminabile) intervista. Merate che avrebbe dovuto avere la funzione di capofila organizzando una comunicazione capillare per l'intero circondario è riuscita dopo un mese, finalmente, a stampare una brochure assai grossolana per raccogliere tutte le informazioni già erogate dai mezzi di stampa nel corso di questi 30 giorni di chiusura totale. Un po' tardi come risveglio e comunque non all'altezza di un comune che vorrebbe tornare a essere il centro del territorio. Ma forse è meglio così: amministratori come Federico Airoldi, Stefano Motta, Giovanna De Capitani agiscono meglio e come maggiore rapidità se si muovono in autonomia. Sabato 11 aprile, ad esempio, a Brivio la polizia locale col megafono aggiornava la cittadinanza sulle restrizioni della Regione dando altresì informazioni utili per il ritiro di mascherine.


Dunque sul podio salgono Brivio e Calco a pari merito con voto pieno, 8. Il secondo posto ex aequo va a Cernusco e Osnago con 7,3. E al terzo posto Lomagna con 7. In coda il "caso" Robbiate dove Daniele Villa ha deciso unilateralmente di non fornire  le informazioni sui contagi ai propri cittadini come invece stanno facendo, sia pure a giorni alterni, gli altri 80 e rotti sindaci della provincia di Lecco. Eppure i dati dalla Prefettura arrivano quotidianamente. Appena sopra Airuno che sconta l'inesperienza del sindaco Alessandro Milani alla guida di una maggioranza alle prime armi. Avrà tempo di recuperare, specie se saprà seguire gli utili consigli dei colleghi Motta e Airoldi.


Ultima annotazione: neanche in una occasione emergenziale di portata epocale come quella che stiamo vivendo e che durerà ancora a lungo le polizie locali si sono associate, sia pure temporaneamente, per assicurare una vigilanza h 24. L'esempio dovrebbe venire ancora una volta da Merate ma. . . .  
Articoli correlati:
11.04.2020 - Covid/3 mascherine: La Lombardia ne ha date ai comuni una ogni 3,8 abitanti. E durano una giornata. Il lavoro nei cimiteri
10.04.2020 - Emergenza Covid/2: l’informazione ai cittadini con megafono o con social. L’importanza del volantino. Ecco le nuove pagelle
08.04.2020 - Emergenza Covid19: in ordine sparso i comuni del meratese. Strategie e modalità di informazione diverse. Ecco le pagelle
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco