Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 339.363.713
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/05/2020

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Domenica 29 marzo 2020 alle 11:43

Finalmente l’ospedale è tornato al centro. Creiamo un fondo per dare al Mandic le risorse necessarie senza attendere politici e burocrati

Caro Direttore,

in questi giorni di emergenza sanitaria nazionale, ho letto con interesse i tuoi approfondimenti sulle varie traversie che il nostro nosocomio cittadino ha dovuto attraversare in questi anni. Purtroppo, pensando alla sofferenza ed ai lutti di questi giorni, anche chi immaginava per l'Ospedale di Merate un futuro differente, di dismissione e depotenziamento, ha potuto toccare con mano, attraverso l'evidenza dei fatti, la centralità della nostra struttura sia in termini di posizionamento logistico, a cavaliere tra più province, sia in termini di qualità delle prestazioni (e qui rivolgo un sincero encomio a tutto il personale).

È questa centralità che tutti i Meratesi, o quasi, hanno sempre sostenuto a gran voce, lasciando però che le decisioni venissero prese altrove, senza fare squadra, senza mettere in campo delle azioni concrete a salvaguardia della struttura: soprattutto, a salvaguardia della nostra stessa salute! Credo che sia giunto il momento di cambiare registro, che sia venuto il momento che l'Amministrazione Comunale riprenda il ruolo che le spetta, adoperandosi concretamente per rilanciare e finanziare il nostro Ospedale. In qualità di semplice cittadino, di osservatore delle vicende pubbliche, certo inesperto ma comunque appassionato del nostro territorio, vorrei condividere con te un'idea che sostengo da tempo e che, spero, possa trovare, dopo questo frangente doloroso, concreta attuazione.

Come ai tempi "gloriosi" dei fondatori dell'Ospedale è necessario che i Meratesi agiscano direttamente, che l'Amministrazione costituisca un fondo pubblico/privato, ad ampia maggioranza pubblica, attraverso il quale creare un capitale che generi ogni anno interessi adeguati a finanziare il mantenimento e lo sviluppo del nostro Ospedale. Non possiamo limitarci a chiamare "nostro" l'Ospedale se poi non ci mettiamo in prima fila! Il nostro territorio e le nostre finanze ci permettono di osare, di guardare lontano, di progettare nell'interesse nostro e dei nostri figli. La grande quantità di denaro che ogni anno il Comune spende in opere e/o sovvenzioni più o meno utili, dovrebbe essere immediatamente dirottata verso il Mandic. I cittadini, senza dubbio, come dimostrano le donazioni di questi giorni, si accoderebbero numerosi. Qualsiasi opera, compreso il costosissimo e discusso Viale Verdi, passa in secondo piano e diventa risibile quando viene meno la salute. Come possiamo pensare, dopo quello che abbiamo visto e stiamo vivendo, a spendere soldi pubblici in altro, se non nella ristrutturazione del nostro sistema sanitario? Chi ha gestito la sanità negli scorsi decenni ha sbagliato e si è fatto trovare impreparato, ora è il momento di voltare pagina. È il momento di rimboccarsi le maniche e di investire, senza aspettare che dall'alto ci impongano la "loro" soluzione (alla larga i politici e i burocrati che per anni hanno frequentato e frequentano il territorio solo per il loro tornaconto personale). I Meratesi sono donne e uomini del fare e, sicuramente, risponderanno ad una chiamata chiara e decisa che dovesse giungere dall'Amministrazione, maggioranza ed opposizione, uniti nello scopo.

Lascio a te, che sei più esperto di me su questi temi, ed ai tecnici, sviluppare un percorso che ci possa finalmente far tornare protagonisti del nostro Ospedale; questo nostro Ospedale che la famiglia Cerri ha voluto fondare a Merate e che noi, oggi più di ieri, abbiamo il dovere di far tornare patrimonio indissolubile della Città.

Un caro saluto

Giacomo Ventrice
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco