Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 339.355.815
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/05/2020

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Merateonline > Associazioni > Amici S. Francesco
Scritto Domenica 29 marzo 2020 alle 09:41

Osnago: il viaggio solidale in Kenya degli 'Amici di S. Francesco' durante l'emergenza

Il 27 febbraio scorso, quando in Italia iniziavano a comparire i primi segnali d'allarme di quella che sarebbe divenuta un'emergenza sanitaria globale, un gruppo di volontari dell'associazione osnaghese "Amici di San Francesco" è partito alla volta del Kenya, per uno dei consueti viaggi umanitari che vedono impegnata la onlus.

Il gruppo dei volontari al completo

Atterrati a Nairobi, gli undici volontari si sono poi spostati verso Meru, città keniota capoluogo dell'omonima contea, dove sorge il St. Francis Children's Village. "Alcuni di noi si sono dedicati all'azienda agricola e all'orfanotrofio di Nkabune" ha spiegato il presidente dell'associazione Giancarlo Magni, che ormai considera il Kenya una seconda casa, dove collabora con padre Francis Limo Riwa, sacerdote della Tanzania che ormai vent'anni fa ha dato voce al problema dei molti bambini di strada. E così, grazie al duro lavoro di moltissimi volontari, nel 2000 ha iniziato a prendere forma un vero e proprio progetto umanitario, culminato nella realizzazione del Villaggio San Francesco, che oggi ospita più di 700 bambini.

Tutti i bambini del Villaggio San Francesco il giorno della partenza dei volontari

Un mese fa esatto, dunque, i volontari si sono ritrovati a Meru dove sono state portate scorte di cibo per far sì che i ragazzi ospiti possano vivere in completa autonomia per almeno un paio di mesi. "Vedendo ciò che stava succedendo da noi e sentendo la minaccia del virus farsi sempre più concreta, due settimane fa i cancelli del Villaggio sono stati chiusi definitivamente" ha spiegato Giancarlo Magni, dicendo poi che, nemmeno a farlo apposta, poco tempo fa sono stati ultimati dei nuovi alloggi, che oggi ospitano le maestre. "Alcuni degli insegnanti che prima facevano avanti e indietro dal villaggio, infatti" ha chiarito Magni "ora sono rimasti all'interno della struttura, portando avanti le normali attività". I bambini del St. Francis, dunque, vivono una quarantena che è molto simile a quella che ormai qui in Italia conosciamo fin troppo bene, scandita per loro dalla preghiera, dalle lezioni, dal gioco e dalle attività come agricoltura ed allevamento. "Le giornate sono lunghe anche per loro" ha proseguito chiarendo però che all'interno del Villaggio bambini e insegnanti, che sono ragazze molto giovani e senza una famiglia, vivono in piena autonomia, grazie anche all'energia solare che alimenta la struttura dall'aprile dello scorso anno.

La casa per ragazze orfane in una piccola fattoria dedicata a Santino Sala, scomparso a gennaio,
sponsorizzata dalla famiglia e realizzata con gli amici di Villa d'Adda e Cisano

Una crescente preoccupazione per la situazione italiana, però, ha fatto sì che il viaggio solidale degli "Amici di San Francesco" si interrompesse prima del previsto. Il gruppo ha infatti scelto di anticipare il volo di ritorno, previsto per il 27 marzo, alla settimana prima. "In fretta e furia ci siamo riorganizzati per partire sabato 21, anche se la preoccupazione era molta e soprattutto non sapevamo se avremmo trovato un volo che ci portasse da Francoforte a Milano" ha detto Magni, ricordando l'odissea che ha caratterizzato il ritorno del gruppo di volontari verso la Brianza. Una volta contattata l'ambasciata italiana a Nairobi, che ha confermato che il volo Lufthansa sarebbe partito con i volontari italiani a bordo, nonostante all'inizio sembrava che potessero partire solo i cittadini con passaporto tedesco, il problema è stato trovare un modo per rientrare in Italia da Francoforte. "All'inizio avevamo pensato di prendere un treno, ma è stato impossibile prenotare dei biglietti". L'unica soluzione plausibile è stata dunque quella di noleggiare un'automobile e fare in macchina il tratto che li separava da casa. Nostante in Italia l'emergenza fosse già conclamata e i contagiati, una settimana fa, fossero più di 42.000, i volontari erano gli unici passeggeri a bordo dell'aereo ad indossare guanti e mascherina. "Ci hanno lasciato uscire senza nessun controllo sanitario, sia a Nairobi che a Francoforte" ha spiegato chiarendo che, una volta rientrati a casa, tutti si sono premurati di avvisare ATS, mettendosi in isolamento per i canonici quattordici giorni, quindi fino alla prossima domenica.

La casa alloggio composta da due piccoli appartamenti che ospita quattro maestre durante l'emergenza

"Eravamo preoccupati per la situazione in Italia, e gli stessi kenioti erano in pensiero per noi". Al pensiero per le condizioni critiche in cui si trova il nostro paese, per l'associazione Amici di San Francesco si aggiunge anche la preoccupazione per gli amici in Kenya, dove sembra però che il Covid-19 non sia ancora uscito dai confini della città di Nairobi, in cui ci sono 35 casi accertati. Il presidente Magni, però, resta fiducioso, con la mente già proiettata verso i progetti futuri da portare a termine anche al di fuori del Kenya, come il Centro Scolastico in costruzione in Burundi, che ospiterà 1500 bambini. Queste settimane di isolamento, dunque, daranno i loro frutti in futuro, quando i volontari potranno tornare a dedicarsi alla loro amata Africa, che oggi possono solo pensare intensamente, augurandosi che, davvero, andrà tutto bene.

G.Co.
Associazione correlata:
- Amici S. Francesco
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco