Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 339.897.967
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/05/2020

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Venerdì 27 marzo 2020 alle 19:14

RSA Brivio: un numero di decessi ''anomalo'' il Sindaco allerta la Prefettura e il Nas dei CC

La RSA Frigerio di Brivio
Di sicuro c'è che i protocolli, sia pure a fatica, sono stati rispettati. Toccherà ovviamente ai carabinieri del nucleo antisofisticazioni e sanità confermare, ma fonti attendibile lo affermano. Tuttavia un numero di decessi tanto alto, si dice una quindicina in meno di tre settimane, rispetto a una media annua di 28, non può non sollevare l'allarme. Notizie precise dalla Casa di Riposo di Brivio non ne escono. Ma come in tutte le RSA, peraltro, la situazione è sempre sul filo del rasoio, nonostante gli sforzi al limite dello stremo del personale ancora in servizio. E' evidente che urge una profilassi massiva mediante l'uso di tamponi per dividere, eventualmente, pazienti sani da pazienti risultati positivi al Covid-19. Prima che, l'eventuale infezione, ammesso che sia in corso, dilaghi nei tre piani della struttura per anziani. E' altrettanto importante che il Consiglio della RSA attivi un sistema di comunicazione dato che molti parenti non hanno notizie dei congiunti da almeno due settimane. La casa di Riposo è interdetta alle visite dall'inizio del mese, a parte qualche giorno in cui è stato possibile visitare i degenti dalle 10 alle 11 e dalle 16 alle 17. Poi è tornato lo stop assoluto. Rincuorare i parenti in comprensibile trepidazione è assolutamente necessario. Nel frattempo anche il sindaco di Brivio ha preso posizione con un comunicato scarno ma dal quale traspare la viva preoccupazione per la situazione interna alla struttura. Ecco il comunicato.

Nell’ambito delle azioni di controllo e di tutela del Centro Operativo Comunale, ho ritenuto di dover attenzionare la R.S.A. di Brivio, anche in funzione delle notizie riguardanti le R.S.A. del territorio diffuse dagli organi di stampa.
 
Pertanto il 26 marzo 2020 ho segnalato alla Prefettura di Lecco ed al Comando Stazione Carabinieri di Brivio un numero “anomalo” di decessi di ospiti della R.S.A. avvenuti negli ultimi giorni.
 
La Prefettura ha risposto in tempi rapidissimi, inviando altresì apposita comunicazione all’ATS per quanto di sua competenza.
 
In queste ore è in corso un controllo da parte dei NAS di Brescia, Nucleo Anti Sofisticazione dei Carabinieri.
 
Quanto sopra a tutela della salute degli ospiti e degli operatori della RSA ed in pieno accordo con i componenti del CDA nominati dal Comune di Brivio e Don Emilio Colombo, che in queste ore stanno prestando un’assidua collaborazione con il COC ed il Sindaco.
 
Sarà mia premura informarVi tempestivamente ed in piena trasparenza di eventuali sviluppi.
 
Il Sindaco
Ing. Federico Airoldi




© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco