Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 332.005.509
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/03/2020

Merate: 28 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 16 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Mercoledì 25 marzo 2020 alle 18:38

Scrivo per render gli onori a un mio amico. Grazie Giovanni a te e alla squadra del PS

Buongiorno,
spero stiate tutti bene. In questo momento di clausura forzata leggere il vostro giornale è l'unico modo per informarsi seriamente del nostro territorio. Grazie.
Ho scritto questo elogio per il mio amico Dott. Giovanni Buonocore, primario del pronto soccorso. Se volete pubblicarlo penso gli faccia piacere e mi auguro lo sostenga in un momento cosi complesso.
Buon lavoro

Prof. Vincenzo Baccaro



Vincenzo Baccaro e Giovanni Buonocore
“Onora il Medico che ti ha preso in cura: la sua presenza è un dono
che il Signore ti fa”. Cosi scrive il libro del Siracide al capitolo 38.
In questo momento storico nel quale tutti concordiamo sull’onore da riconoscere ai nostri Medici, Infermieri, Forze di polizia e Volontari, vorrei dare il mio modesto contributo.
Oggi scrivo per rendere gli onori ad un mio amico Medico il quale, questa estate, in vacanza, si stupiva quando la Signora Nunziatina di Palmariggi in provincia di Lecce, saputo che era un Dottore, gli offriva l’aperitivo nella sua bottega. Lo stesso amico si meravigliava quando i vicini di ombrellone gli portavano il caffè sul lettino quando scoprivano che era un Medico. Idem quando Marco gli preparava la sua colazione preferita o il sigaro con un bicchiere di sambuca. E come sorrideva la sua signora quando a nessuno importava cosa facesse come lavoro perché, dicevano: “la moglie del Dottore non deve lavorare ma solo sostenere il marito in una missione così importante”. In tanti piccoli gesti c’era la gratitudine della gente comune verso la figura del Medico, in tempi non come questi dove sembra scontato farlo.
Oggi voglio rendere gli onori a quell’amico Medico che alcune volte è stato attaccato e offeso per le lunghe ore di attesa al Pronto Soccorso e per avere preso delle decisioni forti o poco politiche. Oggi ho voluto scrivere per dire grazie a lui e a tutta la squadra del Pronto Soccorso di Merate, grazie all’amico Dott. Giovanni Buonocore.


Prof. Vincenzo Baccaro
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco