Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 354.525.947
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/09/2020

Merate: 13 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Mercoledì 25 marzo 2020 alle 10:09

Robbiate: ma si può curare il verde pubblico?

Buonasera direttore, volevo segnalare un fatto al quale in un primo momento non avevo dato peso, ma ripensandoci poi mi ha fatto nascere più di un dubbio. Ieri mattina, martedì, transitando per motivi di lavoro lungo la strada che collega Robbiate a Imbersago, ho incontrato un'impresa di giardinieri nota nel territorio, intenta a potare gli alberi. Operai con le relative attrezzature impegnati in località Respiro. Se non sbaglio il Decreto ministeriale è estremante chiaro al riguardo e cioè vieta ogni tipo di attività all'aperto anche per giardinieri e manutentori del verde. Unica eccezione viene fatta per i florovivaisti che possono consegnare alberi su richiesta, ma non metterli a dimora. Penso che l'impresa stesse eseguendo i lavori in questione per conto del Comune di Robbiate e queste renderebbe la cosa ancora più grave. Del resto gli amministratori di Robbiate, si sono già distinti per quanto riguarda l'emergenza del Coronavirus, rifiutandosi di informare i propri cittadini sul numero dei contagi e delle vittime. Quasi che i cittadini non essendo a conoscenza dei dati, non abbiano di che preoccuparsi. Una filosofia che potrebbe essere stata adottata anche per i lavori in questione: vedendo gli operai all'opera sulla pubblica via il cittadino potrebbe pensare che probabilmente va tutto bene, che l'emergenza è finita... A questo punto perché non organizzare anche il consueto mercato del venerdì? Robbiate potrebbe così diventare il primo paese Coronavirus free. Almeno sulla carta...
Mi raccomando, ricordatevi di vietare di suonare le campane a morto quando qualche cittadino ci lascia. Così a tutti sembrerà che va tutto bene, molto bene!
Grazie per l'attenzione.
Lettera firmata
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco