Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 354.524.368
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/09/2020

Merate: 13 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Martedì 24 marzo 2020 alle 18:15

Piedibus Airunese, ma è stato ascoltato il cittadino?

Gentile Direttore, da anni il suo giornale online è un punto fermo della vita e politica del nostro territorio meratese, per questo motivo abbiamo deciso di scriverLe.
Siamo un piccolissimo e primordiale gruppo di cittadini airunesi, denominato ironicamente (e forse simbolicamente) Resistenza Airunese. Niente politica, diciamolo subito. Niente destra e sinistra, chiariamolo subito, ma valutazioni e riflessioni circa quanto viene fatto dagli amministratori verso i propri cittadini di Airuno, "un paese da amare" come riporta un titolo di un libro locale riguardo la storia del nostro paesello.

Alle ultime elezioni la maggior parte del nostro gruppo ha sostenuto l'attuale Sindaco Alessandro Milani, ritenendo necessario un cambiamento dei modi e dei volti di chi da anni ha governato, seppur con evidenti e indiscutibili successi e opere positive (ma anche punti molto criticabili e scelte sbagliate), il nostro piccolo Comune. Ci voleva, insomma, un cambiamento di idee e persone.
Valutiamo con favore l'ultima sintesi, comparsa sul vostro giornale, fatta dall'Assessore Claudio Rossi circa le opere pubbliche (sblocco dei lavori del Viadotto, la strada per Valgreghentino e soprattutto quella di Aizurro, la sostituzione dei tubi dell'acquedotto in Viale della Libertà e altre piccole opere, come la toponomastica dei parchetti) come quanto sta svolgendo l'intera amministrazione nella gestione dell'emergenza del virus. Abbiamo letto del servizio "Spesa Anziani" attivato dal Consigliere Tavola in coordinamento col Presidente Erminio Cereda della nuova associazione Centro Anziani Lombardo (speriamo di aver scritto giusto l'intestazione dell'associazione).

Nel frattempo, in questo momento di emergenza, ci hanno segnalato alcuni genitori che conosciamo l'arrivo a casa di un questionario riguardante il Piedibus, che l'amministrazione vorrebbe attivare (così abbiamo letto sulla stampa) per il nuovo anno scolastico. La prima critica riguardo il Piedibus è la consegna dei questionari che scadeva proprio oggi (24 marzo), da riconsegnare presso gli uffici comunali... che sono chiusi per via del virus. Su Facebook, hanno rammendato segnalando alle famiglie di inviare un'email al comune.
La domanda, come si evince dal titolo, è una: "ma è stato ascoltato il cittadino?"
Parlando con alcuni ex membri del Comune, si evince dai documenti di quanto verrà presentato in Consiglio, che l'Amministrazione ha già deciso di fare il Piedibus. Lasciamo perdere se è un fatto positivo o no, ma allora a che serve mandare un questionario se tanto il gruppo di maggioranza ha già deciso che si farà?

Già, a parer nostro, non è stata gestito bene il cambio del mezzo scolastico che, per cause ovviamente non imputabili alla nuova Amministrazione, non è più funzionante. Poca chiarezza, poca informazione, nessuno (a parte la presenza di due consiglieri - volontari fuori da scuola, che ringraziamo per aver sopportato le richieste di noi genitori) è venuto a spiegare ai genitori dei bambini come stanno le cose. Noi avremmo accettato la situazione, ci mancherebbe! Infine ci è stato detto che verrà rimborsata la quota del mancato servizio, staremo a vedere.
Conclusa l'emergenza del virus, che ha sicuramente la priorità, sarebbe opportuno, per l'amministrazione, incontrare i genitori per parlare e confrontarci riguardo il Piedibus, solo a seguito di un incontro si dovrebbe procedere con l'organizzazione.
Speriamo che l'appello nostro, segnalato inoltre da molto genitori, venga ascoltato.
Buona continuazione e grazie se questa lettera verrà pubblicata.

Resistenza Airunese
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco