Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.552.300
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/08/2020

Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Giovedì 12 marzo 2020 alle 16:47

#Distanti ma uniti: la rotellistica padernese affronta il coronavirus allenandosi 'in rete'

Ogni sera un video tutorial con esercizi da svolgere nel salotto o in camera, per non farsi trovare impreparati quando si potrà tornare a sfrecciare sui pattini. Per alleviare l’astinenza dalla pista, e soprattutto per reggere il peso di non poter stare in gruppo e allenarsi come sempre, la sezione rotellistica dell’ASD Padernese, attraverso il suo presidente, Umbertina Ravasi, qualche giorno fa ha lanciato un’iniziativa chiamata ''#Distanti ma uniti''.



La presidentessa della Rotellistica Umbertina Ravasi e
lo scatto che ha lanciato l’iniziativa #Distanti ma uniti


Oltre ad allenarsi in solitaria, seguire i tutorial che quotidianamente vengono pubblicati dagli allenatori e postare qualche foto dei propri esercizi, tra gli atleti del pattinaggio sta letteralmente spopolando il selfie da scattarsi rigorosamente indossando la divisa e i pattini, alzando poi un braccio all’altezza della spalla come a voler toccare un altro, anche se solo virtualmente. ''Ci mancate tanto, stare senza di voi è una grande sofferenza'' sono state le parole con cui il presidente Ravasi ha lanciato l’iniziativa.



Una giovane atleta mentre si allena in casa per farsi trovare pronta quanto potrà tornare sui pattini

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


''Di recente un blasonato allenatore mi ha detto: 'Io vado, 2 ore allenamento, torno a casa. Stop. Faccio il lavoro per il quale sono pagato'. Noi no, purtroppo o per fortuna. Forse adesso essere meno affezionati a voi, ci farebbe soffrire un po' meno. Ma è solo la vera passione, il vero amore per quello che si fa che dà un senso al nostro breve passaggio terreno. Siate fiduciosi e siate rispettosi delle regole. Solo così ci potremo riabbracciare presto!''.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco