Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 439.032.578
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 10 marzo 2020 alle 15:15

Mandic: scenario da incubo, dieci malati sulle ambulanze in attesa di un letto. Arrivano da Mantova, Boltiere, Lomazzo

Lo scenario è da film di fantascienza, di quelli che poi di notte generano incubi. Davanti al pronto soccorso del San Leopoldo Mandic si aggirano completamente coperti da teli verdi, cappucci, mascherine protettive e guanti una ventina di operatori sanitari scesi da dieci ambulanze sulle quali stanno distesi sulle barelle altrettanti pazienti in attesa di un letto. Una situazione davvero da incubo.

VIDEO

https://youtu.be/PAMgTUbJeys



Le ambulanze sono giunte a Merate da Boltiere, Mantova, Lomazzo, Bonate, Viadana, Bosisio Parini, Lecco. Una via vai continuo e più la direzione medica di presidio guidata dalla dottoressa Valentina Bettamio riesce a reperire letti, più questi nuovi posti sono immediatamente occupati. Il pronto soccorso è sotto pressione da molti giorni con una media di 60 pazienti in attesa. Nell’area “polmone” i ricoverati sono ormai una sessantina.



Medici, infermieri e personale sanitario di supporto lavorano in modo incessante, senza più badare ai turni. Si fermano solo quando fisicamente c’è il crollo. Sulle ambulanze ci sono persone che attendono da ore, una pare dalle dieci. E qualcuno è già risultato positivo al test del coronavirus.

Articoli correlati:

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco