• Sei il visitatore n° 484.435.388
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 08 marzo 2020 alle 14:48

Montevecchia: situazione "allo sbando" in Alta Collina. Residente allerta la Prefettura

In Alta Collina nell'ultima settimana ci sono stati continui episodi di inciviltà che arrivano fino al surreale. Si tratta di ragazzini indisciplinati che agiscono indisturbati e ogni giorno nuova immondizia si trova nel parcheggio della Panoramica e nel vicino spiazzolo.


La situazione di martedì 25 febbraio mattina

È ormai da tempo che l’Alta Collina è preda di visitatori tutt’altro che educati, ma recentemente si è verificato un intensificarsi della frequenza anche nel periodo infrasettimanale. Il parcheggio viene frequentato da bande di giovani che si intrattengono nello spiazzo della Panoramica, imbandiscono i tavoli di bottiglie di vetro contenenti alcolici per poi lasciarle vuote lì o a terra, a bordo strada o nelle proprietà private.


La situazione di mercoledì 26 febbraio mattina



Difficile dire se vengano messe in atto anche attività illecite, come di spaccio. Poco distante, l’estate scorsa erano state rinvenute del resto delle siringhe sul suolo [clicca QUI]. I residenti però sono preoccupati perché questi gruppetti non si limitano a sostare, ma concludono spesso la nottata vandalizzando l’arredo urbano, come spesso abbiamo documentato.


La situazione di venerdì 28 febbraio mattina

Giovedì scorso, 27 febbraio, un giovane residente rientrando con la macchina dopo una serata fuori si è trovato la strada sbarrata da persone sdraiate sull’asfalto, con un serio rischio di procurare un incidente dalle peggiori conseguenze. Sabato notte si è sprigionato un fuoco in cima alle balze coltivate a vigneto da un privato, forse per un mozzicone gettato ancora acceso. La situazione sta diventando insostenibile, le istituzioni sono state informate ma al momento di cambiamenti non se ne sono visti.


La situazione di domenica 1° marzo mattina




Un residente a fine gennaio ha scritto una lettera al vice Prefetto di Lecco, dott.ssa Laura Maria Motolese, esponendo il proprio “calvario”. Nella missiva il cittadino fa risalire gli inizi dei gravi fenomeni a tre-quattro anni fa e, senza giri di parole, punta il dito contro l’attuale amministrazione comunale e in particolare contro il sindaco Franco Carminati. “Il Comune sin dal primo giorno del suo insediamento ha promosso una sorta di campagna pubblicitaria telematica e non, per invitare le persone a recarsi a Montevecchia e principalmente alla Panoramica, al fine di ammirare le ‘meraviglie offerte dai paesaggi mozzafiato’ da loro così definiti – si legge nel documento inviato alla Prefettura – Il moltiplicarsi del volume di persone attirate dalle pubblicità su social e web ha generato gravissimi problemi di viabilità, di sicurezza (tra cui atti di vandalismo e consumo/spaccio di stupefacenti), di nettezza urbana e nettezza privata violate”.
Nel lungo sfogo il cittadino ricorda che Montevecchia ha un solo agente di Polizia locale nel proprio organico, per cui al telefono dell’ufficio spesso non risponde nessuno. Viene lanciato un allarme anche sull’assenza di protezioni in quel tratto di strada. “Non esistono guardrail: di fatto ne è dotata tutta la collina ma non la nostra Via. In men che non si dica ci si può trovare 500 mt. sotto – evidenzia il residente – È frequente essere obbligati a frenate brusche per veicoli che scendono/salgono a tutta velocità in mezzo alla carreggiata, con il dubbio si tratti di persone non idonee alla guida. La strada di montagna diventa circuito di competizione per individui alla guida di macchine super potenti”. Sulla viabilità viene aggiunto che l’intasamento domenicale ha causato l’impossibilità di uscire di casa per le soste selvagge fuori dal cancello.


La situazione di lunedì 2 marzo

La conclusione è netta: “Da queste righe emerge che il Comune di Montevecchia non fa davvero nulla per garantire la tutela base ed elementare dei suoi residenti in via Alta Collina. E la risposta che sempre viene data alle nostre lamentele è la seguente: ‘Non ci sono soldi per porre rimedi’. Nel frattempo però l’IMU a Montevecchia raddoppia ed è in fase di realizzazione una nuova biblioteca comunale che sembra costare da voci centinaia di migliaia di euro. Potrebbe sembrare ai suoi occhi un quadro paradossale ma mi voglia credere se Le ribadisco la nostra esasperazione”. Il vice Prefetto ha risposto alla lettera dimostrando attenzione per il caso dell’Alta collina di Montevecchia.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco