Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 344.272.476
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 07/07/2020

Merate: 16 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Mercoledì 04 marzo 2020 alle 13:14

Merate: il saluto in piazza a due professori finlandesi in tirocinio costretti al rientro

8 insegnanti di educazione fisica, originari della Finlandia, in Italia per un tirocinio di un mese presso gli istituti scolastici di Merate, Besana e Monza sono dovuti rientrare in patria a causa dello stop alle lezioni "decretato" dal coronavirus.

Il professor Merlini, la professoressa Festini, Eerika, Aleksi e la professoressa Cafaro


Questa mattina, però, per un saluto prima della partenza in Piazza Prinetti a Merate si sono ritrovati una trentina di studenti dell'istituto Manzoni assieme ai loro professori. Felici i ragazzi di poter ritrovarsi assieme in questo periodo di "vacanza forzata" e così anche Aleksi e Eerika che pur avendo potuto sperimentare sul campo solo per pochi giorni la "ginnastica" secondo la nostra impostazione, hanno tratto un'esperienza positiva e gratificante. L'iniziativa rientra all'interno di un progetto europeo che vede la scuola italiana come "base" per una sorta di tirocinio per futuri professori di educazione fisica. Un mese dove gli "ospiti" avrebbero potuto sperimentare le lezioni in classe e poi in palestra o all'aria aperta, toccando con mano le modalità di insegnamento e anche di apprendimento del nostro Paese.

Purtroppo, però, l'esperienza è durata solo pochi giorni. Alla prima settimana di sospensione per il virus ne è seguita una seconda e, data l'incertezza per le prossime, è stato deciso il rientro. La speranza è che, terminato il periodo di emergenza, il tirocinio possa essere replicato e i professori possano tornare in Italia e fare così la loro esperienza a fianco dei colleghi meratesi.
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco