Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 347.369.510
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/08/2020

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 11µg/mc
Lecco: v. Sora: 11 µg/mc
Valmadrera: 14 µg/mc
Scritto Lunedì 02 marzo 2020 alle 18:15

Merate: al Viganò e all'Agnesi la didattica a distanza per fronteggiare il coronavirus

Tra le realtà coinvolte nel nuovo decreto emanato dalla presidenza del Consiglio dei Ministri per l'emergenza epidemiologica ci sono sicuramente gli istituti scolastici dove è stato autorizzato l'accesso del personale docente e non, diversamente dagli alunni che dovranno rimanere a casa in via precauzionale fino a domenica 8 marzo. I poli scolastici del territorio si stanno dunque riorganizzando, programmando una modalità didattica "alternativa" a quella classica frontale.
A Merate, i due istituti superiori si sono prontamente adeguati alle misure, secondo le varie necessità. La preside dell'Istituto Francesco Viganò Manuela Campeggi ha comunicato che, nonostante la sospensione delle attività, è auspicabile non fermare completamente lo studio in un periodo cruciale nel calendario scolastico. Già da oggi, dunque, molti docenti si sono attivati con la cosiddetta "didattica a distanza". "Si programmano le lezioni tramite diverse piattaforme, come Google Suite e Microsoft S5" ha spiegato, con alcuni insegnanti hanno optato per il lavoro da casa, mentre altri, supportati da validi tecnici e animatori digitali hanno deciso di svolgere le lezioni direttamente dal Viganò. "Questa mattina c'è stato un bel movimento" ha detto ancora la preside, con gli studenti che si sono attivati a loro volta, controllando il sito dell'istituto ed il registro elettronico ClasseViva, che tra l'altro, per le zone gialle e rosse ha offerto gratis la funzione della classe a distanza. "Tutti i ragazzi hanno le credenziali d'accesso e il sito è estremamente semplice da usare. Tuttavia non è facile monitorare quanti siano effettivamente presenti alle lezioni online", chiarendo che questa modalità è perfetta per un periodo di emergenza come lo è quello di queste settimane ma che sarebbe difficile da adottare a lungo termine. Anche l'altra realtà meratese, quella del liceo Maria Gaetana Agnesi, ha attivato delle misure simili. "Già da settimana scorsa abbiamo mantenuto i contatti con gli studenti attraverso le email istituzionali" ha spiegato la vicepreside, professoressa Isabella Rossi. Così come hanno fatto i colleghi del Viganò, anche qui i professori si sono mobilitati per caricare materiale, come filmati e documenti sul portale ClasseViva del registro elettronico, per non perdere ulteriore tempo prezioso. "I ragazzi possono sia visionare la documentazione sia inviare a loro volta i compiti che gli vengono assegnati" ha chiarito la vicepreside, spiegando come gli alunni abbiano risposto positivamente all'uso di questa nuova didattica a distanza svolta anche in videoconferenza tramite Google Suite. Ognuno dei docenti ha cercato di organizzarsi secondo le proprie competenze, soprattutto tecnologiche e ad oggi, lunedì 2 marzo, almeno una ventina di insegnanti stanno lavorando con questi nuovi metodi online. "Gli insegnanti si accordano con le classi via mail per l'orario" ha spiegato, illustrando diversi approcci in base soprattutto alla materia insegnata; "L'unica situazione critica l'abbiamo riscontrata per la disciplina artistica, per cui la collega si è dovuta organizzare per recapitare del materiale in bidelleria che poi gli studenti passeranno a ritirare nel corso della settimana". Se è certo che le visite d'istruzione rimangono poi annullate fino al 15 marzo, gli studenti di quinta non sanno invece ancora quando potranno recuperare le prove Invalsi, in calendario per questa settimana, che verranno riprogrammate entro la fine di maggio.
Quello che è risultato chiaro, dunque, è che tutti i docenti si sono attivati, ognuno a proprio modo, per procedere con il normale svolgimento dell'anno scolastico, adeguandosi ad una situazione di difficoltà e cercando di mantenere un dialogo aperto con gli studenti.
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco