• Sei il visitatore n° 484.498.814
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 07 febbraio 2020 alle 19:51

Uniti per Lomagna: chiesta in autotutela la revoca della deliberazione sulle gestioni associate perché vi è 'difetto di procedura'

Giovedì 13 febbraio sarà celebrato il primo Consiglio comunale del 2020 a Lomagna. Ed è anche il primo dopo quello burrascoso pre-natalizio. Col nuovo anno si riprende da dove si è lasciati e cioè dai presunti vizi di forma - che sarebbe poi anche sostanza - nella presentazione della delibera sul rinnovo delle funzioni associate con il Comune di Osnago. Il modello della convenzione tra i due Enti locali per la gestione degli Uffici aveva ricevuto due pareri tecnici negativi da parte dei responsabili di servizio, un elemento di cui il Consiglio era rimasto ignaro al momento dell'approvazione. Come avevamo avuto modo di analizzare [clicca QUI], per legge in Consiglio si si sarebbero dovute motivare le ragioni che hanno portato l'amministrazione a non conformarsi ai due pareri negativi. Peraltro la delibera riporta che tutti i pareri fossero positivi.

Il gruppo di minoranza "Uniti per Lomagna" ora pone l'aut aut. Lo fa con una mozione che sarà discussa giovedì prossimo in cui si chiede di revocare la delibera in autotutela per difetto di procedura. In tal caso andrebbe ripresentata al Consiglio la documentazione adeguatamente corretta. Altrimenti sarebbe sempre valida la minaccia annunciata in aula da Mauro Sala di impugnare la delibera. L'opposizione consiliare un paio di settimane fa ha pure inviato una lettera indirizzata al Prefetto di Lecco per sottoporgli la questione, ma ancora non è stata ricevuta alcuna risposta.

Oltre alla mozione, il tema della carenza di informazioni sulla delibera per il rinnovo delle gestioni associate con Osnago verrà sollevato in Consiglio anche attraverso un'interpellanza in cui si riporta a chiare lettere che il ricorso al TAR è dietro l'angolo se la delibera non venisse annullata. Secondo "Uniti per Lomagna" non sussistono le ragioni di necessità, opportunità e interesse pubblico per legare gli uffici comunali di Lomagna e Osnago. Alla posizione politica, che è arbitraria, può essere affiancata una motivazione di ordine economico. La minoranza torna quindi a battere sul punto, chiedendo una serie di dati da confrontare tra risparmi e incrementi di spesa nei due casi di uffici separata o uffici sottoposti a un regime di convenzione. Infine chiede di discutere i famosi pareri dei responsabili di servizio.

A tutto ciò si unisce che a partire da domani mattina i Consigli comunali di Cernusco Lombardone, Montevecchia e poi giovedì Lomagna andranno ad approvare un accordo per la gestione del passaggio di consegne, che varrà per il periodo gennaio-dicembre 2020, a seguito dell'interruzione dell'esercizio associato delle funzioni del settore sociale che erano in capo a Lomagna. Il tema dunque arriverà a Lomagna dopo essere stato verosimilmente già approvato nei due Comuni limitrofi, salvo eccezionali colpi di scena.


Ultimo punto all'ordine del giorno nella prossima assise lomagnese verterà sulla vicenda dei presunti abusi edilizi alla Casetta degli Alpini. In particolare si chiede di avere una copia del verbale riguardante il sopralluogo che un tecnico comunale avrebbe condotto nel mese di ottobre. Si vuole conoscere anche il motivo per cui tale documento non sia rilevabile in nessun atto dell'amministrazione. Infine l'ultimo quesito punta nuovamente il dito contro l'ex sindaco, oggi vice, Stefano Fumagalli: "Perché l'assessore Fumagalli, che era anche Sindaco oltre che assessore all'urbanistica nel momento in cui le irregolarità (al momento ancora presunte, ndr) venivano commesse, e che era ben presente ed accondiscendente e consapevole, a differenza degli Alpini, delle conseguenze che ne sarebbero scaturite, non ha fatto in modo che le cose fossero fatte con regolarità fin dall'inizio?". Insomma ci sono ancora una volta tutti gli elementi per una seduta infuocata.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco