Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 400.090.594
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/06/2021
Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 22 µg/mc
Lecco: v. Sora: 28 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc

Scritto Mercoledì 29 gennaio 2020 alle 17:20

Parco Adda: partiti i lavori per un tracciato carrabile nella palude a M.Marenzo e Brivio

Sono iniziati lo martedì 28 gennaio e termineranno entro 60 giorni i lavori di riqualificazione della palude di Brivio, uno dei 2342 siti di importanza comunitaria e zona speciale di conservazione, che si estende su una superficie di 300 ettari. Si tratterà di costruire un breve tracciato che colleghi la palude alla viabilità ordinaria consentendo così ai mezzi del Parco Adda Nord di accedervi senza difficoltà per gli interventi manutentivi.


L'ammontare degli interventi è pari a 53.500 euro finanziati con risorse del Parco Adda Nord e derivanti da oneri di compensazione in base alla convenzione sottoscritta con Cartiera dell'Adda spa e Sime Energia srl.
Nella fattispecie gli interventi previsti, che ricadono sul territorio dei comuni di Brivio e Monte Marenzo, si svilupperanno su due piani d'azione, uno consequenziale all'altro.
Il primo prevede la creazione di un accesso carraio in fondo naturale di collegamento alla viabilità ordinaria. Si tratta di un tracciato di 250 metri di lunghezza per 3 di larghezza, realizzato con materiali inerti drenanti, seguendo il profilo pianeggiante del terreno e con accesso limitato da una stanga in ferro posta a ridosso della provinciale.



Successivamente si procederà con il dragaggio, le ripuliture, gli sfalci e la trinciatura della vegetazione invasiva del canneto. La realizzazione del tracciato, percorribile dai mezzi anche quando piove e comunque accessibile anche da piccoli trattori, consentirà di arrivare fino nel cuore della palude per queste operazioni di pulizia periodica, che non avranno più carattere straordinario come avvenuto finora e a causa delle difficoltà di accesso alla palude.
L'obiettivo è quello di ripristinare il reticolo idrografico “storico” esportando la vegetazione in eccesso che ostacola il normale deflusso delle acque e le masse di sedimenti vegetali accumulatisi sul fondo di alcuni canali.

Articoli correlati
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco