Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.768.453
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/08/2020

Merate: 15 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Lunedì 27 gennaio 2020 alle 13:50

Robbiate: incontro sul bullismo e i rischi della rete per i genitori della secondaria

Durante la mattinata di sabato, la scuola secondaria di primo grado di Robbiate ha aperto le porte ai genitori degli alunni per un incontro su due temi particolarmente sensibili, il bullismo ed il cyber bullismo. Il progetto è stato avviato tempo fa ed ha coinvolto in primo luogo gli insegnanti, che hanno avuto l’opportunità di partecipare ad un corso di aggiornamento, e successivamente gli studenti delle classi prime. L’idea di avviare un percorso di questo genere è nata dall’esigenza di riflettere sull’uso degli strumenti in mano ai ragazzi, che vivono un periodo particolarmente sensibile. La relatrice e coordinatrice dell’intero progetto è la dottoressa Paola Guarini, psicologa e psicoterapeuta famigliare, che ha alle spalle diversi anni da educatrice.



La dottoressa Paola Guarini

Quello di sabato mattina è stato il primo di tre incontri, in cui i genitori hanno avuto modo di riflettere insieme alla dottoressa sulle sfide della pre adolescenza nell’era digitale. “Soprattutto negli ultimi anni, sembra che si faccia sempre più fatica a separare i figli dagli strumenti che hanno in mano” ha esordito la dottoressa Guarini, spiegano poi di come la società si stia dirigendo verso un potenziamento digitale. “I device, cioè, devono essere visti come mezzi che arricchiscono le nostre potenzialità, e non come nemici, di cui ovviamente vanno analizzati rischi ed opportunità.”  



Il punto di partenza della riflessione della dottoressa Guarini è stato proprio che è impossibile dissuadere le generazioni odierne dall’utilizzo del web e da questo presupposto la psicologa ha spiegato ai molti genitori presenti in che cosa consistono i cambiamenti che vivono i ragazzi che vanno verso l’adolescenza e che sono a contatto con il mondo digitale. “I ragazzi delle medie sono in procinto di entrare in una terra di mezzo, in cui subiscono delle metamorfosi cognitive, somatiche e sociali” ha spiegato, aggiungendo che questi cambiamenti contribuiscono a sviluppare una loro identità. Attraverso una serie di video, la dottoressa Guarini ha presentato un quadro chiaro e preciso, ribadendo più volte che la parte più importante di questo percorso è mantenere un dialogo costantemente aperto tra genitori e figli, per poter così comprendere meglio le loro motivazioni e le loro emozioni riguardo a ciò che vivono sul web.


I genitori sono intervenuti con domande e richieste puntuali e precise, dimostrando di essere estremamente attenti ed interessati rispetto all’era digitale e di conoscerne soprattutto le insidie. “È importantissimo che voi genitori motiviate sempre le scelte rispetto a cosa è meglio per i vostri figli, adottando anche una strategia di prevenzione” ha aggiunto la psicologa, chiarendo di come nella divisione di una giornata di un preadolescente debba esserci il tempo necessario per il movimento, per il sonno e per la noia, al fine da essere sempre consapevoli di che cosa sia il reale e che cosa invece sia il virtuale.
Gli incontri proseguiranno poi sabato 1 febbraio dove si parlerà più approfonditamente di bullismo e di trappole della rete, e sabato 8 febbraio con la dottoressa Guarini affronterà il tema della privacy da un punto di vista legislativo ed amministrativo.
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco