Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 429.620.897
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 17 maggio 2011 alle 22:43

Santa Maria: incontro tra sindacati e vertici Bessel-Candy. La proprietà intenzionata a trasferirsi in Cina entro l'estate

La sede di Santa Maria
Trovare una valida alternativa alla chiusura dello stabilimento di Santa Maria Hoè e consentire agli oltre 200 dipendenti dell’azienda di mantenere il proprio posto di lavoro. Questo l’obiettivo delle sigle sindacali che nella giornata di martedì 17 maggio hanno incontrato i vertici della Bessel – Candy con sede in Brianza e che nella giornata di mercoledì 18 si confronteranno con i lavoratori su una situazione problematica da mesi e che pare essere ormai prossima al peggiore degli epiloghi. “La proprietà ha annunciato la volontà di cessare la produzione nello stabilimento di Santa Maria entro l’estate (ai dipendenti sarebbe stato indicato il mese di luglio, ndr)” ha spiegato il delegato Fim-Cisl Giorgio Ciappesoni “al fine di trasferirla in Cina, dove sta investendo come in altri Paesi già da qualche anno. Tra i lavoratori la preoccupazione è grande, ma il tavolo delle trattative è aperto e nel corso delle prossime settimane incontreremo loro e la proprietà aziendale per cercare un’alternativa alla chiusura dello stabilimento. Per ora non si parla di esuberi, vorremmo trovare altre strade per consentire ai dipendenti di continuare a lavorare”. L’ipotesi della chiusura per trasferire la produzione all’estero serpeggia da qualche mese tra la manodopera aziendale, e le dichiarazioni della proprietà non fanno altro che aumentare la grande preoccupazione per le circa 220 famiglie che dipendono in tutto o in parte dallo stabilimento di Via Giovanni XXIII. Per loro dopo la pausa estiva potrebbe non esserci più un posto di lavoro. Nessuna ipotesi di chiusura invece, almeno per il momento, per la produzione di Brugherio.
Articoli correlati:
28.04.2011 - S.Maria: si profila la chiusura della 'Candy'. Produzione forse in Cina. Incontro il 12 tra le parti. A rischio 200 posti di lavoro
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco