Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.200.766
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/11/20
Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 25 µg/mc
Valmadrera: 26 µg/mc
Scritto Venerdì 17 gennaio 2020 alle 18:48

Bernareggio: crisi Pozzoli Food a rischio i dipendenti di via Risorgimento


Il Pozzoli Market di via Risorgimento a Bernareggio

La crisi della Pozzoli Food investe anche il vimercatese con una propaggine a Bernareggio. L'azienda di alimentari con sede a Carate Brianza, che ha 18 punti vendita, tutti sul territorio lombardo, proprio al tramonto del 2019 è finita sull'orlo del baratro finanziario. È del 31 dicembre infatti la richiesta di concordato preventivo presentata dalla proprietà al Tribunale di Monza. In questi ultimi giorni si sono quindi susseguite in Regione una serie di azioni per scongiurare il fallimento e il licenziamento degli oltre 250 lavoratori, di cui oltre 100 nella sola provincia brianzola, dove il marchio è presente con cinque supermercati, a Desio, Verano Brianza, Macherio, Bernareggio e Costa Lambro - Carate. Sul nodo del futuro dei dipendenti, al Pirellone è già stata presentata un'interrogazione del consigliere della Lega Alessandro Corbetta, che chiede la continuità aziendale e la salvaguardia dei posti di lavoro. Anche il gruppo regionale del PD si è mosso su questo fronte, chiedendo la convocazione della IV Commissione Attività Produttive per risolvere con un epilogo migliore possibile la situazione dei lavoratori. Settimana prossima dovrebbe essere quella giusta, e al tavolo sono stati invitati anche la proprietà e i dipendenti dell'azienda. Nel frattempo si attende la risposta del Tribunale di Monza. In altri casi simili di crisi aziendali sul territorio lombardo, e brianzolo ancora più nello specifico, come il recente delle catene Superdì e Iperdì - anche queste monitorate dalla Regione - alla fine si è riusciti a concordare il riassorbimento dei dipendenti in altri marchi. Resta da capire se a fronte del licenziamento, in questo caso l'opzione sia percorribile o meno, e in alternativa se lo può essere la cassa integrazione. La vicenda è seguita con interesse anche dai sindacati, con CISL Monza e Brianza che ha espresso preoccupazione per il futuro dei lavoratori. Sono in attesa di ulteriori sviluppi anche i dipendenti del punto vendita di via Risorgimento a Bernareggio.
M.L.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco