Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 324.555.246
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/01/2020

Merate: 103 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 46 µg/mc
Lecco: v. Sora: 43 µg/mc
Valmadrera: 66 µg/mc
Scritto Martedì 14 gennaio 2020 alle 17:43

Sull'asfaltatura della SP54

Percorro quotidianamente e quattro volte al giorno la SP. 54 nel tratto Cernusco - Monticello Brianza e la situazione dell'asfalto era davvero critica: il ripristino del piano viabile non era più procrastinabile.
A giudicare dalla marcatura spray dei tratti da ripavimentare, tale ripristino era stato originariamente ipotizzato durante il periodo autunnale: ma ad un certo punto ha piovuto un mese di fila rendendo impossibile i lavori.
Poi è arrivata la nevicata, il relativo sale antigelo, e la situazione del piano viabile è ancora peggiorata.
Poi è arrivato Natale e le festività, periodo di "vacanza invernale".
Alla ripresa di gennaio, complice un periodo di cielo sereno, ricompaiono per fortuna le marcature spray dei tratti da rifare, vengono installati un paio di giorni prima dei cartelli di "lavori di asfaltatura in corso - traffico difficoltoso": chiaramente, essendo le temperature notturne sottozero, non si può operare la notte e non si può ulteriormente rinviare i lavori stante la situazione del piano viabile.
Visti i cartelli, iniziati i lavori, cambio il percorso di guida abituale evitando la SP. 54, aggiungendo circa 5 minuti di percorrenza (transitando per le località di campagna tra Osnago - Lomagna e Missaglia - Maresso) e riesco a bypassare i lavori con zero code: mi sembra una pratica logica e semplice.
E invece: tutti sulla SP. 54 in coda e, smartphone alla mano per ingannare i tempi di attesa, tutti a lamentarsi sui social e online.
Mi pare che non ci sia più né la pazienza minima né il senso della misura.
Una sola osservazione agli esecutori delle asfaltature: i movieri sono più efficienti ed intelligenti dei semafori provvisori installati (certo costano di più...).
Però la Provincia avrebbe potuto inviare almeno i suoi cantonieri a dare una mano allo scopo...
Lettera firmata
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco