Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 340.355.898
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/06/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: <2 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 5 µg/mc
Scritto Domenica 12 gennaio 2020 alle 08:42

Merate: il ''Rotary'' premia i progetti in lingua degli studenti di Viganò e Agnesi. Nona edizione per il Concorso Randone

L'istituto Francesco Viganó ed il liceo Maria Gaetana Agnesi hanno dedicato la mattinata di sabato 11 gennaio alle premiazioni del Concorso Randone, indetto dal Rotary Club meratese, che ha coinvolto anche il Parini di Barzanó. Quella di quest'anno è ormai la nona edizione del concorso, che vede la partecipazione degli studenti, che sono chiamati a presentare un progetto in lingua straniera su un argomento a loro particolarmente caro.

Come ha spiegato Pierluigi Magni, coordinatore del concorso, il Premio Randone incentiva il sostegno agli studenti, in particolar modo per quanto riguarda la loro formazione e la loro preparazione negli idiomi stranieri. Le prime premiazioni in programma sono state quelle all'istituto Viganó, durante le quali Pierluigi Magni ha ringraziato caldamente la dirigente scolastica, Manuela Campeggi, e la professoressa Sarno, fondamentale collegamento tra il Rotary e la scuola.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

"Ci tengo poi a ringraziare le due figlie di Vittorio Randone, Giuliana e Lucia, per la loro costante presenza, e i commissari di lingua del Rotary, per il loro contributo e la loro dedizione" ha concluso Magni, arrivando alla tanto attesa nomina dei vincitori.  Il quarto posto è stato assegnato a Gaia Caico, che ha esposto una presentazione sulla vita di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Il terzo posto è andato a Mohamed Saran, il quale si è concentrato sulla vita e sui traguardi raggiunti da Bill Gates, fondatore di Microsoft. La studentessa Gaia Tommasi ha ottenuto il secondo posto grazie ad un elaborato sulla band k-pop BTS. Il vincitore assoluto del Premio Randone è risultato, infine, Enis Cokaj, che con in un inglese impeccabile ha illustrato il suo progetto su Hideo Kojima, rivoluzionario creatore di videogiochi giapponese, soffermandosi anche sull'impatto che le tematiche dei giochi da lui ideati hanno rispetto alla società odierna. 

A concludere le premiazioni sono state le parole della figlia di Vittorio Randone, Lucia, che ha ricordato il padre dicendo che sarebbe stato entusiasta di vedere questa energia e questo ottimismo.  Come ogni anno, il Rotary Club ha messo in palio per i vincitori del concorso dei ricchi premi, con l'obiettivo di accrescere le loro conoscenze ed ampliare le loro opportunità. I terzi classificati si sono aggiudicati una giornata al camp estivo italiano, organizzato tra la fine di giugno e l'inizio di luglio, in cui vengono proposte diverse attività della durata di un giorno come una visita a Milano, a Monza, una gita a Gardaland o una prova di guida veloce.

Il secondo posto, invece, ha avuto come premio la partecipazione al programma rotariano che organizza ad inizio ottobre un fine settimana sul lago, in cui un gruppo di quindici ragazzi partecipa ad un corso di vela. Il tanto atteso primo premio, infine, consiste nella partecipazione ad un camp estivo estero, in cui il vincitore può recarsi per trascorrere due settimane in compagnia di giovani provenienti da tutto il mondo. Nella tarda mattinata,  i membri del Rotary si sono spostati nell'aula magna Borsellino del liceo Agnesi, dove i finalisti hanno esposto davanti ad un pubblico delle grandi occasioni le loro presentazioni.

Lasciando tutti a bocca aperta per la qualità e la padronanza della lingua dimostrata, i ragazzi si sono esibiti in inglese, francese, tedesco e spagnolo, dimostrando di saper gestire una platea e una serie di argomenti non certo semplici. Ancora una volta, prima delle premiazioni, è stato ritagliato un momento per i discorsi di rito. Pierluigi Magni, coordinatore del progetto, e Giuseppe Martinelli, presidente del Rotary Club, hanno ringraziato il corpo docenti, che si è occupato della correzione della prima fase del concorso, un testo scritto in lingua, la famiglia di Vittorio Randone ed i commissari, che hanno valutato la seconda parte della gara. Anche la dirigente scolastica, la professoressa Sabrina Scola, è intervenuta per ricordare la generosità del Rotary e per la qualità altissima delle loro proposte.

 "Ultimo, ma non meno importante, devo ringraziare la professoressa Daniela Ripamonti, coordinatrice dei progetti tra la scuola ed il Rotary" ha concluso poi Magni, passando finalmente alla nomina dei vincitori. Con il sottofondo di un tifo sfrenato da parte dei compagni di classe, il terzo posto è stato assegnato, ex aequo, a Carlo Scaccabarozzi e ad Emanuel Ruso, che con un francese pressoché perfetto hanno fatto riflettere, emozionare, ridere e commuovere tutti i presenti. Il secondo posto è andato invece a Sara Scrignoli, che con la sua presentazione in uno spagnolo scioltissimo ha raccontato che cosa abbia significato per lei viaggiare e conoscere culture, mondi, abitudini lontane, augurandosi di poter sempre contare sulla curiosità e sul non aver paura di ciò che è diverso da noi.

A dimostrazione della sua generosità, il Rotary Club meratese ha poi deciso di raddoppiare il premio, assegnando il primo posto a Chiara Agostini e Nadia Masri, arrivate in testa a pari merito.  Le ragazze, emozionatissime, si sono aggiudicate il viaggio all'estero grazie a due splendide presentazioni, una in tedesco e una in inglese. Quello che è saltato all'occhio nel corso di questa mattinata è stata sicuramente la voglia e la passione che tutti i partecipanti hanno messo in questa prova, comprendendo a pieno il senso del premio istituito alla memoria dell'ingegner Randone. "Vittorio Randone è stato colui che ha iniziato a collaborare con il liceo Agnesi per l'orientamento" ha ricordato Daniela Ripamonti , insegnante di filosofia e storia e coordinatrice del progetto per l'istituto.

"È stato naturale, quando è venuta a mancare la sua figura, istituire un premio a suo nome, per ricordare l'importanza di ciò che aveva creato." Chiara Crippa, docente di tedesco e anch'essa referente del progetto, ha aggiunto: "nel corso degli anni le performance sono cresciute sia per quanto riguarda la qualità della lingua, sia nel modo in cui i ragazzi si relazionano con il pubblico".  Il Rotary Club di Merate ed il liceo Agnesi vantano una strettissima collaborazione, ormai decennale, e a dimostrarlo è stata ancora una volta la generosità del club. "Tra giornate di orientamento per le classi quinte, corsi extracurricolari di economia finanziaria,  diritto e street art, i ragazzi hanno una possibilità in più per mettersi in gioco e prepararsi al loro futuro" ha concluso la prof. Ripamonti.
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco