Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 319.992.699
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 30/11/2019

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Giovedì 28 novembre 2019 alle 13:33

Cernusco: adottata la variante al PGT con voto contrario delle minoranze Ifnc e Clbc

La variante al PGT (Piano di Governo del Territorio) di Cernusco Lombardone è stata adottata nella seduta del Consiglio comunale di ieri, mercoledì 27 novembre. La sindaca Giovanna De Capitani si è dichiarata soddisfatta degli obiettivi raggiunti tenendo conto del contesto socio-economico in cui ci si trova. Il suo discorso è stato anche improntato sui prossimi passi che riguardano l'iter per l'approvazione definitiva della variante nell'auspicio che le osservazioni che saranno depositate dai cittadini tengano conto dei diritti acquisiti dei proprietari. Positivo il commento anche del consigliere con delega all'Urbanistica Luigi Mario Oldani secondo cui l'adozione della variante costituisce una tappa di un percorso virtuoso che rispetta le Linee di indirizzo che la Giunta si era data e che rispetta il territorio agricolo.

Luigi Mario Oldani


Subito dopo il primo colpo di scena della serata. I capigruppo di minoranza Salvatore Krassowski (CLBC) e Gennaro Toto (IFNC) si sono allontanati dall'aula e tra di loro, immaginiamo, hanno osservato che senza i consiglieri di opposizione sarebbe mancato il numero legale per considerare lecita la seduta. Al rientro in aula, Krassowski ha quindi sottoposto all'attenzione la questione.

Gennaro Toto

Rivolgendosi al presidente del Consiglio comunale, De Capitani, ha domandato se sarebbero arrivati i consiglieri mancanti e, nel caso, di aspettarli. "Sarebbe stato opportuno politicamente che la maggioranza assicurasse il numero legale per l'adozione del PGT" ha sostenuto il consigliere di minoranza. La sindaca ha quindi assicurato che un membro della maggioranza era in arrivo, ma le richieste di attendere o di riconoscere formalmente l'approccio propositivo delle minoranze sono state respinte.

Renata Valagussa

Repentinamente Krassowski ha quindi abbandonato lo scranno, andandosi a sedere tra il pubblico per tutto il tempo dell'esposizione degli urbanisti. I consiglieri di IFNC Toto e Renata Valagussa sono invece rimasti al proprio posto. Poco dopo, l'arrivo in aula della consigliera di maggioranza Valeria Pirovano.

A destra l'architetto Giacomino Amedeo

La parola è quindi passata all'architetto Giacomino Amedeo che ha evidenziato gli aspetti salienti delle novità introdotte nella variante. Rispetto al PGT vigente è stata ridotta la capacità insediativa residenziale teorica (da 535 a 391 stanze-abitanti). Vengono sottratti 13.585 mq di aree agricole, ma se ne recuperano 56.210 mq. Diminuiscono le zone destinate ad aree per servizi (-39.668 mq) e aumentano le superifici pavimentate per il terziario commerciale di 4.631 mq. Il saldo di consumo di suolo è quindi minore di zero, in rispetto alla normativa regionale. A tal proposito l'urbanista ha sottolineato che la superficie urbanizzabile (l'1,67% del territorio comunale) passa dai 76.533 mq consentiti nel 2014 ai 63.580 mq della variante. Quindi - 16,93%. Ultima nota riguarda le forme di premialità introdotte per i privati che, pur consumando suolo, svolgessero come compensazione interventi di interesse pubblico.

Il consigliere Salvatore Krassowski seduto tra il pubblico

IFNC ha dimostrato preoccupazione per la riduzione delle aree per servizi per 39.668 mq. In particolare Valagussa ha sostenuto che sarà difficile costruire dei parcheggi pubblici qualora si rendessero necessari. Una lente è stata posta sui 420 mq a fianco dell'ex Casa cantoniera, in via Monza, che l'Ufficio tecnico ha chiesto non venissero più mantenuti come area per servizi. "C'era un vincolo di uso pubblico che è stato tolto d'ufficio" ha osservato Valagussa. "Non c'era nessuna programmazione di interesse per l'ampliamento del parchetto" ha replicato il primo cittadino.

Il sindaco Giovanna De Capitani

Krassowski ha criticato lo scarso coinvolgimento delle minoranze. "Nel 2011 fu fatto un Consiglio comunale informale per i consiglieri che avevano potuto rivolgere tutte le domande specifiche agli urbanisti, ora invece siamo rimasti al margine. Non mi sento in grado di interloquire senza aver approfondito le singole tematiche nei cinque giorni a disposizione". Per la sindaca c'è una differenza sostanziale tra un nuovo PGT e una variante. Poco dopo Renata Valagussa ha evidenziato che le singole schede che qualificano il PGT non sono state illustrate nel corso del Consiglio comunale.Nelle dichiarazioni di voto, Krassowski ha pesantemente bocciato la variante al PGT. "Dopodomani ci sarà un altro sciopero per l'ambiente. Noi non stiamo facendo un cambio di rotta. Per valutare il consumo di suolo bisogna partire dallo stato di fatto, non è così che lo si arresta". Il calcolo del consumo di suolo lo ha quindi definito "apparente e formale". Concetto rinforzato anche da Gennaro Toto che ha sentenziato: "Un domani ci troveremo con più cemento di oggi. Si doveva puntare di più al recupero del territorio riqualificando l'esistente, senza produrre nuova edificazione". La replica di De Capitani - "Le possibilità edificatorie sono state ridimensionate" - non è stata sufficiente a modificare l'intenzione di voto negativa dei tre consiglieri delle minoranze presenti.
Ora l'amministrazione avrà 90 giorni per rendere pubblica la documentazione sul PGT, che resterà disponibile per 30 giorni. I cittadini avranno altri 30 giorni per presentare delle osservazioni, che potranno essere valutate in vista dell'approvazione definitiva nei 90 giorni successivi.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco