Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.208.104
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/11/20
Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 25 µg/mc
Valmadrera: 26 µg/mc
Scritto Martedì 26 novembre 2019 alle 09:28

Auchan Merate, Cortinovis: senza un piano industriale nessuna certezza, il sito farà da cavia

Barbara Cortinovis
Se un barlume di speranza lo avevano dato alcuni giorni fa le dichiarazioni di Roberto Frigerio, segretario di Fisascat Cisl Monza-Lecco, secondo il quale dalle trattative nazionali tra sindacati e Conad sull'acquisto del gruppo Auchan era filtrato un certo ottimismo sugli esuberi - che, in sostanza, sembrava potessero essere pianificati, almeno in parte, attraverso la mobilità volontaria -, la situazione è tornata ad apparire critica dopo l'intervento di Barbara Cortinovis, segretario generale Filcams Cgil Lecco, le cui preoccupazioni ricalcano peraltro quelle esternate da alcuni dipendenti di Auchan di Merate . Senza un piano industriale, secondo Cortinovis, c'è poco da stare tranquilli. ''Quello di Merate sarà sì uno tra i primi 109 negozi che entro marzo passeranno a Conad, ma non possiamo dirci soddisfatti se manca un piano industriale'' sono state le sue parole. ''L'ipermercato meratese sarà una vera e propria cavia, a questo punto, ed è per questo che il personale non è tranquillo. A noi, inoltre, non risulta siano state raggiunte intese rispetto agli esuberi. Anche in questo caso non si è ancora fatta chiarezza''. Il segretario di Filcams Lecco ha poi espresso dubbi rispetto al passaggio che il sito meratese, con altri 108 sparsi in Italia, farà nelle società di Conad. ''E' vero che dopo il passaggio in CIA ne seguirà un'ulteriore verso MGS, ma non sappiamo se poi ci sarà ancora un altro passaggio'' ha aggiunto Cortinovis. ''Di fronte ad un tale intreccio i problemi di logistica e la gestione degli esuberi risultano evidenti''. Secondo la sindacalista lecchese, infatti, il rischio è quello che Conad possa in futuro rivedere le metrature degli ipermercati e procedere, come nel caso di altre catene, con un'esternalizzazione di alcuni reparti come possono essere quello elettronico o del vestiario. In un periodo in cui i casi di Whirpool e Ilva di Taranto stanno riscuotendo un vasto clamore mediatico, questo del passaggio di Auchan a Conad è un tema altrettanto importante, secondo Cortinovis, che però sta passando troppo in secondo piano.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco