Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.336.165
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/08/2020

Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 20 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Lunedì 18 novembre 2019 alle 10:55

La troupe di RaiNews24 alla Rocchetta e allo Stallazzo

Sabato 16 novembre la troupe di RAI News24 guidata dal giornalista Alfredo Di Giovampaolo è arrivata allo Stallazzo e al vicino Santuario della Madonna della Rocchetta presso Porto D'Adda.

Assieme ai tecnici di ripresa e al giornalista erano presenti il prof. Fabio Inzoli del Politenico di Milano, Cristian Bonomi referente dell'Ecomuseo Adda di Leonardo e un gruppo del CAI di Trezzo sull'Adda.

A fare gli onori di casa, Luigi Gasparini, presidente della Coop. Solleva, Federico Mandelli, Michela Frediani, il fotografo Giovanni Gargantini e Fiorenzo Mandelli, custode della chiesina.

La loro visita era legata alla registrazione della nuova puntata di "Cammina Italia", programma messo in onda sul canale 48 del digitale terrestre, e aveva come tema l'itinerario, percorso a piedi, da Imbersago a Vaprio d'Adda, con un approfondimento sulla ricerca scientifica in Italia.

VIDEO


https://youtu.be/K8MfUJjsjNM

Dopo una pausa caffè e una fetta di torta, gli ospiti sono stati accompagnati al Santuario davanti alla statua di Leonardo inaugurata lo scorso maggio.

Primo a sinistra Luigi Gasparini di Solleva

Fiorenzo Mandelli con il giornalista Alfredo Di Giovampaolo e il prof. del Politecnico Fabio Inzoli

Per la ricorrenza dei 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, che in questi territori è passato, il custode Fiorenzo Mandelli aveva proposto al sindaco Rotta, ormai due anni fa, di far realizzare una targa commemorativa. Grazie al sostegno del comune di Paderno l'iniziativa ha comportato la realizzazione di una scultura raffigurante il genio toscano.

L'opera è stata commissionata allo scultore Andrea Gaspari. Date le indicazioni di Fiorenzo è stata posata sul piazzale esterno antistante la chiesina e il "grande omone in pietra" col suo dito indica il fiume, a ricordo del legame tra Leonardo e lo studio delle acque dell'Adda nel codice Atlantico.

Al Santuario il tempo per una breve spiegazione da parte di Fiorenzo al giornalista Alfredo Di Giovampaolo e al prof. Inzoli che non conoscevano questo luogo così impervio in mezzo alla valle fluviale, già villaggio fortificato di epoca tardoromana per il controllo del confine, rappresentato dal fiume Adda.

Poi il ciak per alcune riprese e la camminata è proseguita lungo l'Alzaia parlando della storia del Naviglio e degli studi di Leonardo sull'acqua. Infatti, è noto che Leonardo, ospite a Vaprio nella villa del discepolo Francesco Melzi

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco