Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 318.328.968
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/11/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Lunedì 04 novembre 2019 alle 20:45

Merate: gli studenti dell'Agnesi sul podio del torneo nazionale ''Palestra di botta e risposta''

La squadra del Liceo Agnesi, composta dagli studenti della classe 5ES, Diego Morao, Alicia Prestini, Debora Striani, e della classe 5BS, Giulia Garofoli, Francesco Giovenzana e Lorenzo Levini, e accompagnata dai professori Daniela Ripamonti e Dario Redaelli, si è classificata al terzo posto nel VI Torneo nazionale "Palestra di botta e risposta",  promosso dall'università di Padova.

La disputa, che si è tenuta dal 31 ottobre al 3 novembre, ha visto coinvolti circa 50 ragazzi provenienti da tutta Italia, da Bolzano a Isernia.

Gli argomenti delle varie sezioni di dibattito sono stati:
1."Credere " è compatibile con la scienza?
2. La mediazione in campo politico è sempre positiva?
3. Anche l'ateismo è una fede?
4. La difesa dell'ambiente giustifica la violazione delle leggi?

 

Il dibattito si è svolto secondo un preciso protocollo che prevede varie fasi (prologo, argomentazioni, dialogo socratico, difesa, epilogo).

I sei ragazzi del liceo di Merate hanno sostenuto 5 dibattiti, risultando vincitori per ben quattro volte.

L'obiettivo del torneo, preceduto da una lunga preparazione avviata nell'anno scolastico precedente nelle classi quarte, è infatti quello di creare cittadini consapevoli e liberi, coscienti ed autonomi, capaci di argomentare e controargomentare. Ovvero formare persone in grado di pensare con la propria testa, capaci di sottoporre a collaudo queste loro elaborazioni, di difenderle e di valutare quelle altrui.

E visti i risultati dagli studenti meratesi si può dire che l'obiettivo è stato pienamente raggiunto.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco