Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 318.327.717
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/11/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Lunedì 04 novembre 2019 alle 17:52

Paderno: pulizia al cimitero e in via Manzoni, 'Cambia' vuole interventi, Torchio risponde 

La ragione dietro alla ''bocciatura'' che la minoranza ha dato al Documento Unico di Programmazione approvato nell’ultimo consiglio comunale che si è riunito a Paderno mercoledì scorso, sta nella differenza di vedute che i due gruppi seduti in assise hanno rispetto alle priorità del paese.

Secondo ''Paderno Cambia'', come espresso dal consigliere Ambrogio Andreotti, in cima alla lista degli interventi che l’Amministrazione dovrebbe effettuare ci sono quelli al cimitero – secondo l’opposizione carente di manutenzione – e nel centro storico, dove persiste, malgrado l’ordinanza dell’ex sindaco Renzo Rotta, le problematiche relative alla presenza di piccioni.

Niente a che vedere con i punti cardine che costituiscono il DUP proposto dalla maggioranza, dove spiccano interventi sugli spazi ad oggi inutilizzati in biblioteca, il rinnovo del PGT (con un’attenzione particolare a via Manzoni e le sue traverse), la valorizzazione delle aree verdi cittadine e la realizzazione del nuovo piano di Protezione civile.

Andreotti, commentando il documento presentato in assise, ha infatti segnalato disagi in zona cimitero, dove diverse piante risultano ammalorate e l’accesso è in qualche modo trascurato vista la presenza di muschio. A rispondere al consigliere di minoranza è stato l’assessore Valentino Casiraghi, il quale ha spiegato che alcune piante lungo via Airoldi più che ammalorate sono state rotte ed estirpate da dei vandali, nelle scorse settimane, e che il Comune ha già provveduto a ripiantumare alcune di esse.


'Il piccione è un animale protetto – ha invece spiegato riguardo alla cura di via Manzoni – non possiamo catturarli. Si piazzano nei Comuni perché trovano comfort e cibo. E’ un problema di non facile soluzione. Ingaggiare dei falconieri (ipotesi avanzata dalla stessa minoranza, ndr) ha un costo elevato e non è garantito che i piccioni non tornino. E’ più efficace pulire ogni mattina la strada con l’idropulitrice. Potremmo valutare questa opzione, ma ha un costo non indifferente''.



I consiglieri del gruppo ''Paderno Cambia''

Il sindaco Gianpaolo Torchio ha invece riportato l’attenzione sull’intervento più complessivo che l’Amministrazione intende effettuare in centro attraverso il PGT, parlando di azioni coordinate tra Comune e privati che mirino a ridurre i punti di appoggio per l’insediamento dei volatili.



Una foto scattata lo scorso maggio in via Manzoni mostra il guano dei piccioni

''Intervenire sul centro storico – ha poi aggiunto – non significa intervenire su ogni singolo palo, ma sicuramente con il rifacimento della strada cercheremo di interrare almeno una parte dei cavi sospesi''. Rispetto ai problemi segnalati al cimitero, il primo cittadino si è infine detto d’accordo sul fatto che un intervento generale di sistemazione sarebbe necessario.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco