Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 318.329.055
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/11/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Domenica 03 novembre 2019 alle 16:47

S.Maria-La Valletta: 4 Novembre all'insegna della 'difesa dei nostri valori'

Una pioggia incessante ha caratterizzanto le celebrazioni del 4 novembre, quest'anno anticipate a domenica. Ma nonostante il meteo non proprio favorevole, sono state tante le persone che si sono date appuntamento a Santa Maria Hoé per celebrare il giorno delle Forze Armate e il 101esimo anniversario della fine della Prima guerra mondiale.

Dopo la messa in onore ai caduti di tutte le guerre, il corteo si è snodato per le via del paese per portare la corona ai piedi della statua dell'alpino, che per l'occasione era stata adornata, quasi per proteggerla dalla pioggia, dalla bandiera tricolore.
Alle celebrazione, organizzate dall'Unione, erano presenti i sindaci di La Valletta Brianza Roberta Trabucchi e di Santa Maria Hoé Efrem Brambilla. Al capogruppo degli alpini di Monte San Genesio Carlo Brambilla il compito di introdurre la celebrazione: "in questo giorno - ha dichiarato - è stata fondata l'Italia. È necessario ricordare tutti quei ragazzi, morti senza nome e senza una tomba, che hanno difeso i nostri confini e hanno dato la loro vita per noi".

Mauro Sottocornola ha poi spiegato ai presenti il progetto "Studenti con le stellette", di cui è volontario, che ha coinvolto oltre 600 studenti in sei anni. "A fine agosto organizziamo un campus di una settimana per insegnare ai ragazzi di 18 e 19 anni alcuni valori che noi riteniamo fondamentali come l'amore per la Patria e per la bandiera - ha affermato Sottocornola. "Il progetto, partito solo 6 anni fa, ha oggi oltre 400 richieste, ma possiamo solo ospitare 100 ragazzi. Anche se disponiamo di 50 volontari per la vigilanza, il numero non è ancora sufficiente per accontentare tutti. In questa settimana (una scuola che definisce come civile in stile militare) i ragazzi hanno potuto prendere il brevetto come primo soccorritore, il certiticato per il defibrillatore, visitare il carcere di Opera. Insomma, hanno potuto affrontare un'esperienza a tutto tondo".
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):
A chiudere la celebrazioni è stato il sindaco Efrem Brambilla. Oltre a ricordare l'importanza di questo giorno, il sindaco è partito da Machiavelli e dal processo storico che ha portato alla formazione degli stati moderni. In teoria, gli Stati dovevano preservare la pace, anche se, come ricorda il primo cittadino, "sono molte le Nazioni che si sono macchiate di atrocità". Ad ogni modo, "è necessario difendere i nostri valori, la nostra bandiera e la nostra terra", ha poi concluso.
B.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco