Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 344.278.856
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 07/07/2020

Merate: 16 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Sabato 19 ottobre 2019 alle 19:40

Il Comitato del Ponte San Michele chiede all'agenzia delle entrate, a Regione e comuni sgravi fiscali ed esclusione ISA

Il Comitato del Ponte San Michele si è attivato presso gli enti preposti per chiedere aiuti e sgravi fiscali per cittadini e attività economiche rimaste profondamente danneggiate dalla chiusura dell'infrastruttura.

La prima istanza è stata inviata all'Agenzia delle entrate e riguarda il nuovo strumento ISA (indicatori sintetici di affidabilità) che basandosi su più periodi di imposta dovrebbe fornire una fotografia di massima del contribuente e quindi verificare quanto la sua recente posizione sia in linea con le dichiarazioni depositate nel corso degli anni. Situazione che per quanto riguarda caluschesi e padernesi sarebbe anomala e non prevedibile né comparabile dato appunto gli effetti della chiusura del San Michele. Per questa ragione all'agenzia delle entrate il comitato del ponte chiede una esclusione all'applicazione di tale strumento per gli anni di imposta 2018, 2019, 2020.
Clicca qui per visualizzare la richiesta alla Agenzia delle Entrate

La seconda istanza è indirizzata alle amministrazioni regionali e comunali e riguarda il versamento delle imposte locali. Per cittadini, lavoratori, studenti, pendolari, commercianti, industrie la chiusura del ponte ha rappresentato un crollo dei fatturati e disagi enormi negli spostamenti. Si chiede dunque a Regione Lombardia e alle municipalità di adottare un provvedimento immediato, viste le scadenze del 30 novembre e 16 dicembre per sospendere i pagamenti o quantomeno ridurre i versamenti delle imposte quali addizionale regionale, IRAP, addizionale comunale, IMU, TASI e TARI.
Clicca qui per visualizzare la richiesta a Regione e Comuni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco