• Sei il visitatore n° 467.460.467
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 09 ottobre 2019 alle 13:07

Ponte: 70 parcheggi in arrivo alla stazione di Paderno. Treni-navette non coordinati


Foto di Marco Scivales

Ad un mese dalla riapertura alle auto del Ponte San Michele, a Paderno l'Amministrazione inizia a prepararsi per fronteggiare l'aumento di pendolari che, dalla bergamasca, si recheranno in stazione per prendere il treno diretto a Milano.

Nelle prossime settimane, stando a quanto riferito dal sindaco Gianpaolo Torchio, sarà creata infatti una nuova area parcheggio in via dei Roncà, dove già peraltro sono presenti una ventina di posti poco sfruttati. Una soluzione temporanea ma non troppo, dato che il Comune era già da tempo intenzionato a mettere mano a quel terreno per ampliare la disponibilità di parcheggi in zona stazione. ''Andremo ovviamente ad implementare l'opportuna segnaletica per indicare tutti i parcheggi a chi non conosce bene il paese'' ha spiegato Torchio. ''Cercheremo anche di rendere più utilizzati gli esistenti come quello in via Brigole, davanti al campo sportivo. Una soluzione un po' distante ma che può tornare utile. In via dei Roncà i parcheggi nuovi saranno una settantina e stiamo lavorando con RFI perché sia possibile accedere direttamente al secondo binario''. L'Amministrazione, ha proseguito Torchio, sta poi valutando insieme a Regione e Comune di Calusco soluzioni che permettano anche alle navette di collegamento tra le due stazioni ferroviarie di percorrere il Ponte.

L’area in cui verranno creati 70 nuovi posteggi

Intanto, a proposito di navette, un comunicato del Comitato Ponte San Michele di qualche ora fa sottolinea come ancora oggi, ad un anno dalla chiusura della struttura, navette sostitutive e treni siano poco coordinati:

Questa mattina in seguito all'ennesima segnalazione relativa alle navette non coordinate con i treni siamo tornati a fare un sopralluogo di persona in entrambe la stazioni di Paderno d'Adda e Calusco d'Adda.
 
È emerso che a distanza di un anno navette e treni continuano a essere servizi disgiunti e non vi è alcun tipo di comunicazione tra autisti e capistazione che consenta ai pendolari di non rimanere a piedi per una manciata di secondi.
 
Per i più la soluzione pare essere un'ennesima rimodulazione degli orari delle navette in quanto più flessibili rispetto a quelli dei treni (sebbene non abbiamo mancato di segnalare soste e ritardi che rendono la linea Bergamo - Milano via Carnate tutto fuorché puntuale).
 
Chi vuole guardare in faccia la realtà, però, ammette che se i vertici di Trenord preposti al coordinamento di entrambi i servizi, facenti capo a loro, contattassero i sottoposti fino a far pervenire le indicazioni in tempo reale ai dipendenti in loco, il problema non sussisterebbe. È a questa seconda voce che diamo pieno supporto come Comitato qui pubblicamente e con segnalazioni ufficiali a Trenord.
 
Date poi le interferenze che saranno determinate dal traffico delle auto a partire dall'8 novembre continuiamo a maggior ragione a sollecitare una collaborazione fattiva tra le parti nell'interesse di studenti e lavoratori.
 
Ringraziamo i dipendenti di entrambe le stazioni per la cordialità, perché sebbene siano i primi a ricevere le lamentele sono gli ultimi a poter mettere mano per risolvere i problemi. I primi a poter agire, invece, siamo noi tutti rifiutandoci di tacere.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco