Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.334.237
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/08/2020

Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 20 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Sabato 28 settembre 2019 alle 10:41

Missaglia: l'Inferno di Dante nella serata di lunedì 30 con Franco Nembrini e Pupi Avati

La meraviglia e la complessità dell'inferno dantesco, raccontato dalle autorevoli voci dello scrittore Franco Nembrini e del regista Pupi Avati. E' in sintesi l'incontro che si terrà lunedì 30 settembre nel salone polivalente dell'oratorio di Missaglia, organizzato dalla Fondazione Costruiamo il Futuro. Sarà infatti il suo presidente, l'on.Maurizio Lupi, a moderare il dibattito dal titolo ''...E quindi uscimmo a riveder le stelle'' che prenderà il via alle ore 21.
Ospite d'eccezione appunto, Franco Nembrini, autore del libro ''Inferno'' che da anni tiene per tutta l'Italia un ciclo di lezioni su Dante e la Commedia. Alla fine di uno di questi incontri, a Roma, Nembrini è stato avvicinato da un ragazzo che gli ha detto che le sue parole gli avevano cambiato la vita. Questo ragazzo era Gabriele Dell'Otto, uno dei più importanti disegnatori del mondo, artista di punta delle due grandi casi editrici americane di supereroi, Marvel e DC. È nato così un progetto che è anche un sogno. Rivestire la Divina Commedia per portarla al grande pubblico, nel millennio che è appena iniziato. Dopo l'introduzione di Alessandro D'Avenia, ogni canto ha un'introduzione alla lettura scritta da Nembrini, il testo originale di Dante e, a fronte, una parafrasi in italiano contemporaneo, e una riproduzione delle meravigliose tavole di Gabriele Dell'Otto che illustrano il contenuto del canto. Un grande progetto, che continuerà, ovviamente, con Purgatorio e Paradiso.
Anche Pupi Avati è un grande conoscitore della Divina Commedia, di Dante Alighieri, della sua vita e delle sue opere. E proprio per questa ragione il regista bolognese sta lavorando da anni ad un progetto cinematografico ambizioso sull'italiano più conosciuto nel mondo, in vista del settimo centenario della morte, nel 2021.
Un film che rappresenterebbe ''un'opportunità straordinaria di divulgazione e promozione dell'opera e della figura di Dante Alighieri nel mondo. L'Italia non può perdere questa occasione, l'opera va assolutamente realizzata" le parole pronunciate di recente dal sindaco di Ravenna Michele De Pascale.

La Fondazione Costruiamo il Futuro ringrazia per la collaborazione: FISM Lecco, Diesse Lombardia, Cdo Lecco, Emedea La Nostra Famiglia, la traccia, Fondazione Il Cavallo Rosso, Scuola Primavera, Centro culturale Eguy, Centro Culturale Gaudì, Compagnia delle Opere Monza e Brianza, In-Presa, Brigantia, Fondazione Don Giovanni Brandolese, Liceo Linguistico Parini, Liceo Leopardi, Associazione Sant'Agostino.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco