Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 318.429.800
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/11/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Mercoledì 18 settembre 2019 alle 17:13

Bernareggio: cacciatori al CTL3, la precisazione del direttore del PANE

Massimo Merati, direttore del PANE
Con il mese di settembre si è riaperta ufficialmente la stagione della caccia. E tra i primi ad accorgersene c'è anche chi la mattina ne approfitta per fare due passi nell'area verde del CTL3, e, nel caso specifico, non ha potuto fare a meno di imbattersi in una decina di cacciatori, "scortati" dai propri cani. Mettendo paura a chi è di passaggio in quel teorico limbo, per rilassarsi. "Un fenomeno, quello della cacciagione, che è consentito in gran parte delle aree del Parco Agricolo Nord Est, e in cui rientra anche il CTL3 - spiega Massimo Merati, direttore del parco - Il caso nella fattispecie è quindi senz'altro da collegare alla riapertura del periodo di caccia. È l'UTR in particolare che si occupa di ripopolare ciclicamente la fauna e non è un caso che in questa stagione sia così facile imbattersi in uccelli come fagiani anche in strada. In ogni caso non sono previsti divieti nell'area, che quindi risulta cacciabile, a meno che non si parli di zone a meno di 100 metri dall'abitato". Insomma, chi pensava al CTL3 come ad un'oasi di pace, dovrà farsi una ragione che così non è.
M.L.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco