Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 461.741.902
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 11 settembre 2019 alle 19:34

Lomagna: madre tunisina resistette alla Digos durante l'arresto dei figlio espulso per legami con l'Isis, la sentenza a ottobre

Questa mattina si è tenuta l'udienza a carico di Rachida Naceur, tunisina classe 1971, accusata di lesioni personali colpose e resistenza a pubblico ufficiale che sarebbero avvenute nel corso dell'arresto del figlio, nel luglio 2017, nella sua casa di Lomagna, a danno degli agenti della Digos di Lecco.

La donna, secondo l'impianto accusatorio, si sarebbe frapposta tra gli agenti e il figlio Ghaith Abdessalem reo di avere violato il provvedimento a suo carico di allontanamento dell'Italia in quanto ritenuto legato all'Isis. Questa mattina il giudice Nora Lisa Passoni si è trovata a dover gestire la rinuncia al mandato da parte dell'avvocato Monica Gnesi del foro di Monza. Il fascicolo è stato così assegnato all'avvocato Caterina Busellu, presente in quel momento in aula, che, dopo aver studiato il faldone, ha chiesto i termini a difesa per quanto attiene le proprie conclusioni. Il magistrato ha acconsentito, dichiarando però chiusa l'istruttoria, senza procedere all'esame dell'imputata fissato per oggi, stante l'assenza della donna che non avrà così la possibilità di raccontare la propria versione dei fatti. La parola è dunque passata al pubblico ministero che ha chiesto la condanna della tunisina a 8 mesi di reclusione. Il primo ottobre l'arringa della difesa e la sentenza.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco