Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 353.745.384
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/09/2020

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 24 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Giovedì 15 agosto 2019 alle 17:03

Cornate: 42enne rischia di annegare nell'Adda. Soccorso da un gruppo di bagnanti è mantenuto in vita dal massaggio cardiaco

Stava trascorrendo il Ferragosto in compagnia della sua famiglia, con la moglie, i quattro figli e alcuni amici sulle rive dell'Adda. Si trovava immerso solo in parte nell'acqua vicino alla riva sulla spiaggetta poco distante dalla centrale di Cornate a godersi un po' di frescura sotto il solleone.

Ad un certo punto - non si sa se colto da malore o forse per aver messo un piede in fallo - l'uomo è caduto nell'acqua e la corrente l'ha trascinato via in un istante. Gli amici si sono subito buttati nel fiume per cercare di recuperarlo e trarlo in salvo senza successo. L'allarme scattato sulla spiaggia ha fatto sì che un gruppo di ragazzi si unisse alle ricerche e fino a quando finalmente il corpo dell'uomo è stato recuperato sott'acqua e trascinato a riva. Immediata la richiesta di soccorsi con l'attivazione anche dell'elicottero dei vigili del fuoco. Prime ad arrivare le squadre della sponda bergamasca sulla spiaggia di Medolago. Con un gommone Il 42enne residente a Vimercate è stato trasportato all'ambulanza attraversando il fiume dove sono proseguite le manovre rianimatorie che già erano state messe in atto dai bagnanti subito dopo il recupero.

L'arrivo del medico e del personale sanitario ha fatto sì che l'uomo restasse in vit,a tanto che un lungo applauso ha accompagnato i segnali della ripresa resi possibili grazie all'intervento immediato di più persone che lo hanno tratto dall'acqua e gli hanno praticato il massaggio cardiaco. Le sue condizioni sono comunque gravi, tanto che il padre di famiglia è stato trasferito in ospedale in codice rosso. Le prossime ore saranno determinanti per capire se ce la farà e se il permanere sott'acqua gli abbia causato danni irreversibili.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco