Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 318.593.825
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/11/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Martedì 09 luglio 2019 alle 18:32

Cernusco: i primi dettagli sull'offerta che farà parte del Piano per Diritto allo Studio

La Consulta Istruzione di Cernusco Lombardone si muove di anticipo e comincia a sfogliare i punti salienti del Piano per il Diritto allo Studio che serve a sostenere le attività delle scuole sul proprio territorio. Ad illustrare il documento, nella riunione di lunedì 8 luglio, è stato il vice sindaco con delega all'Istruzione Alvaro Pelà, affiancato dalla sindaca Giovanna De Capitani. Sui numeri degli iscritti è ancora presto per fornire dati certi. Alla materna gli iscritti alla prima classe potrebbero essere una quindicina in meno rispetto all'anno appena trascorso, mentre stabili dovrebbero essere i nuovi ingressi alla primaria e alla secondaria di primo grado.



Ad interessare i membri della Consulta è stata la proposta dei progetti finanziati dall'amministrazione, che non si discosta dall'ultimo PDS anche in termini di budget complessivo messo a disposizione dall'Ente comunale. Su proposta dei docenti, la visita per le quinte sui luoghi della Memoria si sposterà da Marzabotto a Fossoli, il campo di concentramento dove fu rinchiuso per un breve periodo insieme a migliaia di altri deportati anche Primo Levi. La sua testimonianza è riportata nel libro "Se questo è un uomo". L'uscita scolastica per ricordare gli orrori del regime nazifascista viene considerata una tappa fondamentale per il processo di consapevolezza su cosa ha comportato il regime in Italia. È stata espressa soddisfazione dai componenti della Consulta e dal primo cittadino sul contributo che lo scorso 25 aprile hanno offerto gli studenti di quinta durante la commemorazione civile, frutto di una rielaborazione di quanto appreso in classe e alla visita guidata a Marzabotto. Si riduce il costo a carico delle famiglie per il corso di nuoto rivolto alle classi terze e quarte. Su una spesa complessiva richiesta per 3.100 euro il Comune sosterrà oltre i due terzi. Le famiglie dovranno coprire 1.000 euro, che ripartiti saranno 15 euro per bambino. Ha affermato De Capitani: «Il corso di nuoto della scuola è spesso l'unica occasione per i bambini di approcciarsi all'acqua. Per questo è molto richiesto e ci sentiamo di sostenerlo ancora di più». Il costo del trasporto verso e dalla piscina rientra tra gli accordi con il trasportatore che ha vinto l'appalto per il servizio di bus scolastico.


Sempre in ambito sportivo, le lezioni di minibasket per le prime e le seconde vengono riconfermate. Su richiesta degli insegnanti saranno ridotte invece le ore con la Polisportiva, ma il contributo comunale all'associazione sarà identico (500 euro). Spalmato sulle cinque classi di età, il progetto di educazione stradale, che sarà leggermente meno gravoso per le quinte. Sempre per tutti "Differenziamo" che spinge gli studenti ad adottare azioni che rispettano l'ambiente. Il progetto multidisciplinare di musica, canto e musica - la principale novità dell'anno scorso - sarà ricalibrato e gestito da personale interno. Nell'anno corrente doveva essere affidato a un professionista esterno tramite bando ma, causa forfait dei candidati, era stato poi coordinato dagli insegnanti del plesso. Un must apprezzato dai genitori dei bambini di quarta è "Porcospini", sviluppato dalla cooperativa sociale Specchio Magico al fine di prevenire culturalmente sul fenomeno dell'abuso sui minori. Gli educatori della Onlus potrebbero nel prossimo anno scolastico ampliare le proprie ore a Cernusco intervenendo anche sul progetto Affettività per le quinte. La sindaca ha suggerito alla Consulta di confrontarsi per avanzare una proposta pensata per i genitori, per prevenire uno sfaldamento del rapporto tra genitori e insegnanti che comporterebbe solo un danno per il percorso educativo del bambino.
La proposta di massima è stata accolta positivamente dalla Consulta che si attiverà per coinvolgere le associazioni che già agiscono su questo campo. La quota del mutuo che gravava sulla scuola elementare cala a 0, proprio dal prossimo anno scolastico. Già in questi giorni è stato installato l'impianto d'allarme e nel corso dell'estate l'illuminazione dell'edificio sarà interamente convertita a led, all'insegna dell'efficientamento energetico. L'open space inaugurato quest'anno in un angolo del corridoio è stato molto utile. Motivo in più per convincere l'amministrazione comunale a fornire le risorse per un secondo allestimento simile dal costo di 2 mila euro. Sarà inoltre acquistato un banco speciale per un bambino disabile che entrerà in prima. La sindaca ha informato che la spesa messa a bilancio per l'assistenza educativa scolastica sarà di 121 mila euro, una cifra che potrebbe aumentare. La Consulta ha proposto di avviare una raccolta fondi per il gioco inclusivo che potrà essere utilizzato dai disabili e che sarà installato vicino alle altre strutture di gioco nel parco di piazza della Vittoria. L'idea di dotare il territorio di un gioco inclusivo era pervenuta dal Consiglio Sovracomunale dei Ragazzi e delle Ragazze. Una nuova riunione della Consulta Istruzione si terrà nella prima metà di settembre, quando molti più dati saranno definiti in vista dell'approvazione in Consiglio comunale del Piano per il Diritto allo Studio.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco