• Sei il visitatore n° 476.956.666
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 06 luglio 2019 alle 15:23

Lomagna: per raccontare la ''bella storia'' in oratorio si parla di santi e si … lavora

Cinque figure di santità, una per ogni settimana, sono le “belle storie” dell’oratorio feriale di Lomagna. Madre Teresa di Calcutta, Gianna Beretta Molla, don Pino Puglisi (per l’esattezza beato, non santo, ma dall’indubbia caratura pia), Francesca Saverio Cabrini, Pier Giorgio Frassati. Attraverso recite, supportate da immagini proiettate, gli animatori nella Sala della Comunità offrono spunti di riflessione ed esempi di vita ai bambini.

Gli iscritti sono in tutto 284: 212 delle elementari e 72 delle medie. Ogni giorno in mensa si fermano circa 180 partecipanti. L’oratorio viene poi popolato e gestito da un corposo numero di volontari. Gli animatori, i genitori e parenti, tra i quali anche i promotori dei laboratori mattutini.

La prima parte della giornata è infatti dedicata alle attività pratiche che partono dagli “attacchi d’arte” con materiale di recupero e dalla realizzazione di braccialetti e arrivano al teatro e alla musica. Spazio però anche al murales, al corso di fotografia, alla falegnameria (particolarmente apprezzato quest’anno dalle bambine), ai compiti e al make-up. Nel pomeriggio tanti giochi e gli immancabili tornei di calcio e pallavolo.

Ma nell’estate torrida di quest’anno il momento più apprezzato sarà la piscina del giovedì a Burago. Splash in acqua anche al parco acquatico per il gruppo dei più grandi, mentre per i bambini delle elementari c’è Leolandia. Altro appuntamento extra sarà la gita al rifugio Rosalba in Grignetta. L’oratorio di Lomagna ha partecipato venerdì 28 giugno e fino a domenica alle “Oralimpics” di Milano (area Expo). È la terza edizione e viene organizzata dal comitato milanese del CSI e dalla Fondazione Oratori Milanesi, ma per i ragazzi di Lomagna è la prima avventura simile, partecipata da oltre 3.500 giovani. Tre giorni intensi, con pernottamento in loco, durante i quali gli iscritti si sono cimentati anche negli sport minori, con la possibilità di scoprire dei talenti nascosti.

Il 12 luglio, dopo cinque settimane, terminerà l’oratorio feriale 2019, con la “festa dell’arrivederci”, prevista per le ore 20.30, nella quale verranno presentate le attività svolte, oltre allo scambio dei saluti. Già il giorno successivo, una settantina di ragazzi delle medie partirà per il “caseggio” a Esino Lario. La settimana successiva i giovani daranno il cambio nella struttura che li ospiterà ai bambini di terza, quarta e quinta elementare per un’altra settimana da vivere insieme.
Nel frattempo l’oratorio si trasformerà. Già il 15 luglio dovrebbero infatti partire i lavori per dotare il campo di calcio di un terreno in erba sintetica e successivamente per sostituire il fondo della palestra. Un sogno, grazie agli sforzi dei parrocchiani e della grinta di don Lorenzo, che da settembre sarà ad occhi aperti.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco