Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 305.787.019
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/07/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Mercoledì 19 giugno 2019 alle 16:01

Merate: gli studenti del Viganò e dell'Agnesi affrontano la prima prova d'esame. Ungaretti, Novecento e Bartali i temi

Da Ungaretti a Bartali, dal progresso scientifico del Novecento fino alla mafia, dall'illusione della conoscenza al patrimonio artistico.
Tante e variegate le tipologie tra cui gli studenti di tutta Italia oggi si sono cimentati per il primo test di maturità.
Volti tutto sommato distesi all'uscita dei due istituti di Via dei Lodovichi. Il tema, infatti, ha spezzato l'ansia per la tanto attesa maturità, sciogliendo un attimo la tensione accumulata nelle settimane precedenti.
Non sempre le tracce sono state in linea con le simulazioni provate con i professori e c'è stata qualche difficoltà in più, superata comunque con maggiore concentrazione.

 

ISTITUTO VIGANO'
"Ho svolto il tema sulla mafia che però ho trovato abbastanza difficile" ha raccontato Mirko (ind. Informatico) "c'erano molte cose di cui parlare e quindi l'argomento non era facile da riassumere e sviluppare in maniera efficace".
Appassionato di sport, invece, Nicolò ha affrontato lo sport rapportato alla storia, con particolare attenzione al personaggio proposto, il campione di ciclismo Gino Bartali "Giusto tra le Nazioni" per avere contribuito a salvare molte vite durante le rappresaglie naziste. Stessa scelta quella di Daniel e di Simone che hanno messo in relazione due mondi apparentemente lontani.

Federico, Matteo e Cristian

Ha affrontato invece il dualismo tra genio e stoltezza, Alessandro anche lui informatico, con un testo che ha appunto sviscerato questi due aspetti, con un'attenzione anche al rapporto tra innovazioni e loro utilizzo. Stessa scelta per Andrea del turistico soffermatosi su ignoranza e intelligenza, uomo e sviluppo tecnologico.
Giorgia, dell'indirizzo turistico ha fatto un'analisi critica su storia e sport, mettendola in rapporto con la società odierna e dunque i suoi risvolti sull'attualità.
Per il grafico, Christian si è concentrato sul tema artistico e dei beni culturali, trovandolo comunque di media difficoltà.
Federico ha affrontato il passaggio di testimone del Novecento mentre Giulia ha optato per lo sviluppo del progresso scientifico, trovando la sua realizzazione abbastanza ostica.

Più semplice il tema sulle mafie scelto da Veronica così Jennifer (relazioni internazionali) che si è concentrata sull'eredità del Novecento e i suoi risvolti sulla società, trovandolo abbastanza fattibile.
Hanno scelto Sciascia invece Letizia e Camilla che hanno apprezzato la traccia proposta, svolta senza particolari difficoltà. Ungaretti invece per Alessia, che ha terminato attorno alle 13.

LICEO SCIENTIFICO
Samuele, Luca, Simone e Alessandro dell'indirizzo scienze applicate sono stati tra i primi a terminare all'Agnesi. Samuele ha seguito la traccia sulla bomba lanciata in mare mettendo in relazione le scoperte scientifiche e il loro reale apporto positivo all'uomo.

Luca, Samuele, Simone, Alessandro

Luca ha scelto il medesimo argomento trovandolo però parecchio dissimile rispetto alle simulazioni fatte in classe. Simone si è concentrato invece sull'analisi del testo della poesia "Risveglio" di Ungaretti riuscendo a dare un maggiore sviluppo alla fase di interpretazione, risultata più "libera" rispetto alle domande proposte. Alessandro infine si è indirizzato sul rapporto sport e storia, con la figura di un uomo più noto alle cronache per le sue gesta atletiche che non umane.
Non si è trovata in difficoltà in quanto gli argomenti erano già stati svolti in classe, Marta dell'indirizzo scientifico, e così il tema sulla bomba atomica e il progresso è uscito dalla penna abbastanza facilmente.

Martina

"Mi si sono illuminati gli occhi quando ho visto che l'autore proposto era Ungaretti" il commento felice di Martina, del linguistico, al termine del primo giorno di maturità "ho legato il testo al tema della guerra ed è stato tutto abbastanza semplice, era anche molto in linea con le simulazioni fatte".

Christian

Stessa scelta per Christian che è partito dalla poesia dell'autore per raccontare la guerra e collegarsi anche alla letteratura inglese. "La poesia non era semplice, ma mi piaceva l'argomento e quindi non ho avuto particolare difficoltà" ha concluso.
Ha trovato invece complicato il testo argomentativo sulla bomba atomica, Lorenzo dello scientifico, cercando comunque di trovare degli spunti sulla ricerca scientifica da poter collegare alla tematica. Prima prova affrontata senza ansia per Andrea per il quale le simulazioni in classe si sono rivelate molto utili così come per Fabio che ha scelto le conseguenze delle scoperte scientifiche del Novecento, riuscendo ad argomentare senza particolare problema.

Lisa e Arianna

Luca e Arianna

"La traccia era bella e quindi ho scelto il tema sulla mafia" ha raccontato soddisfatta Lisa "all'inizio mi sembrava una domanda un po' vaga ma poi sono riuscita ad argomentare senza grosse difficoltà". Contenta anche Arianna che ha scelto invece il Novecento.

Fabio, Andrea e Lorenzo

Ha avuto qualche tentennamento nel scegliere la traccia giusta, poi Luca ha optato per l'innovazione tecnologica e il progresso scientifico con le sue conseguenze sulla vita dell'uomo mentre Arianna ha abbracciato il tema del patrimonio artistico e culturale, con uno sguardo anche all'ambiente.

Se la prima prova, tutto sommato, non ha rappresentato un motivo di ansia per gli studenti, anzi "rompendo il ghiaccio" sulla maturità, non così saranno la seconda e l'orale, soprattutto per le difficoltà intrinseche delle materie di domani e per l'incognita invece che chiuderà il ciclo di esami.

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco