Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 365.002.857
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Sabato 01 giugno 2019 alle 18:35

I pensionati lecchesi della Cisl a Roma

Una folta delegazione lecchese di pensionati della Cisl Monza Brianza Lecco (nella foto), era presente questa mattina in piazza San Giovanni a Roma per la manifestazione nazionale, indetta da Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil. La manifestazione è stata la tappa finale di un percorso di mobilitazione che ha avuto inizio il 9 maggio scorso, con tre grandi assemblee unitarie in contemporanea a Padova, al Gran Teatro Geox, a Roma, al Palazzo dei Congressi, a Napoli all'Hotel Ramada.

"Nonostante i molteplici appelli di Spi, Fnp e Uilp rivolti alle forze politiche che governano il Paese - ha precisato Emilio Didonè, segretario generale Fnp Cisl pensionati Lombardia - con l'obiettivo di trovare insieme delle misure che potessero andare incontro alle esigenze dei pensionati, l'unica decisione adottata da questo governo è stata quella del taglio della rivalutazione delle pensioni, alla quale seguirà un significativo conguaglio che i pensionati dovranno restituire nei prossimi mesi".
"Questo governo non ci ha ricevuto e non ha saputo e voluto ascoltare, rimanendo indifferente di fronte a temi di straordinaria rilevanza sociale per la vita delle persone anziane e delle loro famiglie. Di fronte a tale silenzio - ha concluso Emilio Didonè - è stato necessario avviare una prima grande mobilitazione unitaria in tutto il Paese per impedire che si continui con politiche sbagliate, che danneggiano ulteriormente la condizione di vita già difficile dei nostri pensionati".
Ed è solo l'inizio: Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil sono decisi a continuare le mobilitazioni nel Paese fino a quando saranno ascoltate le loro ragioni.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco