Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 429.943.068
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 28 maggio 2019 alle 16:38

Il 2 giugno una camminata da Imbersago a Lecco lungo l'Adda

Si terrà Domenica 2 giugno 2019 la tappa forse più suggestiva tra le dodici uscite proposte nel 2019 dall’Associazione Cammino di Sant’Agostino per celebrare la memoria leonardesca, muovendosi a piedi sul Sentiero di Leonardo: sui luoghi lombardi da lui visitati e sovente riprodotti in opere celeberrime.
La partenza avverrà dal Santuario della Madonna del Bosco a Imbersago, alle 9:30: si scenderà la lunga scalinata per raggiungere la vicina Chiesa Romanica dei SS. Gottardo e Colombano, collocata ad Arlate su una collina che sovrasta la valle dell’Adda. L’edificio era l’antica sede della comunità di monache benedettine dipendenti dall’abbazia di Pontida e la sua edificazione risale ai primi del 1100. Lonardo da Vinci, incaricato da Ludovico il Moro di risolvere il problema della navigazione sull’Adda dal Lago di Como sino a Milano, percorse e studiò a più riprese dal 1482 al 1499 e dal 1505 al 1511 del fiume a questa altezza del suo corso, a monte delle rapide abduane di Paderno d’Adda e non potette non notare questo edificio Cluniacense, che si ergeva già in epoca medievale del tutto solitario a pochi metri dal fiume. Leonardo, vero appassionato e a lungo studioso della Sezione Aurea (la cosiddetta “Divina Proporzione”), notò sicuramente i pervasivi riferimenti a questo arcano numero presenti nella facciata, a partire dal famoso “pentacolo”, che riportò in sue opere e disegni (in particolare, nel celeberrimo “Uomo Vitruviano”).

Da qui la camminata si svolgerà lungo l’alzaia dell’Adda, risalendolo passando dal borgo di Brivio sino a una seconda notevole testimonianza dello stile Romanico lungo il fiume: il Monastero e il Santuario di Santa Maria del Lavello a Calolziocorte.

Il territorio del Lavello, che si estende sulla riva sinistra del fiume Adda ai piedi dei monti della Valle San Martino era già abitato in epoca romana, almeno dal I-II secolo d.C., datazione di un’epigrafe incisa su una lastra di marmo dedicata alla dea Diana rinvenuta a Lorentino, frazione di Calolziocorte.

Dopo il pranzo al sacco in questo splendido luogo, la camminata proseguirà nel pomeriggio sempre lungo il fiume Adda passando per la storica località di Pescarenico sino a raggiungere la Città di Lecco, nella quale il principale riferimento leonardesco è il Ponte Azzone Visconti (quasi certamente raffigurato nella Gioconda) e il contesto montano che circonda il lago la città lecchese (le Grigne e il San Martino in primis), raffigurato da Leonardo da Vinci in molteplici suoi Codici e – sempre quasi certamente - nel paesaggio retrostante la sua “solita” Monna Lisa.

Il rientro al punto di partenza a Imbersago sarà garantito dalla presenza di un autobus a noleggio, con ritrovo al Ponte Nuovo di Lecco alle ore 17:00. Salvo il costo di noleggio del bus, la partecipazione è gratuita per coloro che hanno già provveduto alla copertura assicurativa delle 12 uscite del 2019 (10 Euro).

Percorso: Dal Santuario della Madonna del Bosco di Imbersago al Santuario della Madonna del Lavello di Calolziocorte e al Santuario della Madonna della Vittoria di Lecco – 22 km.

Per iscrizioni e informazioni: info@camminodiagostino.it
Associazione Cammino di Sant’Agostino www.camminodiagostino.it
Contatto: 348.4527583

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco