• Sei il visitatore n° 485.178.607
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 21 maggio 2019 alle 16:07

La Rocchetta: una sorpresa per tutti noi

La voglia di passare un pomeriggio diverso e insieme, il desiderio di fare non un’uscita a “caso” ma di cercare un luogo dove poter dedicare anche qualche momento alla preghiera mariana (in questo mese di Maggio), ci ha fatti arrivare in un posto sorprendente: il Santuario della Rocchetta. Con i ragazzi dell’oratorio di Osnago in questo mese di  maggio, siamo andati in bicicletta lungo l’Adda fino ai piedi della gradinata che porta al piccolo santuario. Ci ha accolti con molta cordialità Fiorenzo. Fiorenzo Mandelli è il volontario, la guida, il custode di questo posto. Più che un custode, si può dire che Fiorenzo è “l’angelo custode” della Rocchetta, è l’anima di questo angolo di bosco collinare che costeggia il fiume. Ci ha raccontato che da dodici anni si dedica alla pulizia, al riordino, all’accoglienza di gruppi e turisti curiosi, alla raccolta di testimonianze e documenti storici che riguardano non solo la costruzione, ma tutti i tesori che la Rocchetta custodisce da secoli.

Sono veramente secoli di storia importante quelli che ha attraversato questo luogo tra i boschi: dal periodo romano come torre di guardia, poi santuario privato del maggior benefattore della Fabbrica del Duomo di Milano e convento, poi luogo di studio e di ispirazione per il genio assoluto di Leonardo Da Vinci.
Chi avrebbe mai immaginato che un posto così nascosto e piccolo potesse conservare un tesoro tanto ricco?
I ragazzi hanno ascoltato attentamente il riassunto di questa storia, non privo di dettagli curiosi, e hanno potuto vedere gli ambienti sottostanti alla piccola chiesa, dove probabilmente hanno vissuto i cinque monaci che li hanno abitati nel quattordicesimo secolo. Hanno potuto vedere la cisterna dell’acqua piovana del periodo romano che Fiorenzo ha seguito giornalmente nel corso della sua opera di ripristino dell’area circostante l’edificio e inaugurata nel 2013.

La sensazione forte e bella è che tutto ciò che abbiamo visto e respirato non è stata solo aria di “passato”, ma storia presente e viva. Perché l’entusiasmo con cui Fiorenzo ci ha accompagnati e guidati con aneddoti di storia, è stato veramente coinvolgente.
Il momento di preghiera a Maria che abbiamo fatto tutti insieme, ha elevato il nostro cuore ad un livello ancora più alto, quello di Dio: è Lui che traccia disegni per noi inimmaginabili, tanto meravigliosi e ricchi di fantasia, storie che per noi diventano anni e secoli di memorie, di storia passata e di storia che si fa presente in incontri con persone meravigliose e ricche di sapienza.

Ti ringrazio ancora per la tua accoglienza e testimonianza.
Sr Chiara
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco