Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 413.915.455
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 20 maggio 2019 alle 17:44

Lomagna: stasera il Consiglio chiesto da cinque consiglieri

Fino all'ultima settimana prima del voto amministrativo il Consiglio comunale di Lomagna non smette di riunirsi. Con un fuori programma rispetto ai piani della maggioranza, la convocazione in extremis è stata richiesta da cinque consiglieri. Il promotore dell'iniziativa è il dissidente di Impegno Civico Giuseppe Valentino, che ha trascinato con sé l'intero gruppo di minoranza raggiungendo così il numero legale per legittimare la convocazione. A tenere banco stasera, lunedì 20 maggio, sarà ancora una volta il futuro dell'ex insediamento RDB. Articolata in otto punti, la mozione di Valentino punta ad incidere sul percorso burocratico del Piano Attuativo "Giotto", dal nome della via dove si prevede la costruzione di un deposito di munizioni. Tra gli allegati alla delibera di adozione del P.A. non è stata inserita integralmente la convenzione stipulata tra Ente Parco del Curone, il Comune di Lomagna e l'Immobiliare Sernovella, proprietaria dell'area. Un documento, quest'ultimo, che dettaglia molto più specificatamente le finalità dell'insediamento e i vincoli a cui la proprietà dovrà attenersi.


La mozione chiede poi di raddoppiare i tempi per la consultazione della documentazione relativa al Piano Attuativo e per la presentazione delle osservazioni presso gli uffici comunali (30 + 30 giorni). Se approvata, la mozione impegnerebbe l'amministrazione ad invitare l'Ente Parco e il suo Consiglio di Gestione ad organizzare entro 30 giorni presso la propria sede un'assemblea informativa sul progetto di riqualificazione dell'ex RDB. Un'ulteriore freno sarebbe la sospensione di ogni nuovo atto deliberativo fintanto che non venga attuata un'attenta attività informativa nei confronti della cittadinanza. Si chiede poi di poter accettare osservazioni da associazioni e comitati. E tra i comitati ce n'è uno che sta vagliando le evoluzione di Piano Attuativo. "No alle munizioni nel Parco del Curone" è nato nei mesi scorsi contestualmente alla petizione lanciata su Change.org per opporsi all'insediamento di Fiocchi Munizioni a Lomagna. È da pochi giorni che il comitato ha diffuso un nuovo volantino in cui annuncia che presenterà delle osservazioni. Il gruppo di minoranza formalmente non ha condiviso la mozione, ma ha di fatto consentito la convocazione del Consiglio comunale presentando un'interpellanza sempre su un tema urbanistico: l'altro Piano Attuativo di via Roma, dove verrà realizzato un complesso residenziale. Il capogruppo Mauro Sala domanderà stasera al sindaco Stefano Fumagalli come mai si sia arrivati alla scadenza di mandato ad approvare un P.A. che interessa il centro storico. Vuole poi un giudizio da parte del primo cittadino sullo stato di progetto che inserisce edifici in stile moderno all'interno del nucleo storico del paese. L'interpellanza insiste poi sugli elementi di verde e arredo urbano che scarseggerebbero dalla documentazione fornita ad oggi.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco