Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.604.386
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/08/2020

Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Lunedì 29 aprile 2019 alle 14:35

Ponte: un’altra ''soffiata'' con l’onorevole Traversi. ''I lavori fermi da un mese senza un perchè''

L'ultima volta che l'onorevole Roberto Traversi aveva fatto tappa a Calusco era il 31 gennaio scorso, un lunedì. Quella mattina incontrò gli esponenti del Comitato Ponte San Michele e qualche cittadino arrabbiato, dai quali ricevette notizie a dir poco negative sullo stato di avanzamento dei lavori sulla struttura che collega l'Isola bergamasca con il Meratese. Fino ad allora, infatti, gli operai dell'impresa edile Notari (aggiudicataria della gara indetta da RFI per riqualificare il viadotto) si erano visti soltanto sporadicamente e a gruppi di quattro, massimo cinque alla volta all'opera.

L'onorevole Roberto Traversi

Il Comitato e lo stesso Traversi, deputato del Movimento 5 Stelle che, oltre ad essere un architetto (ligure per giunta, dunque più sensibile al tema ''ponti'' dopo il crollo del Morandi di Genova), è portavoce del Ministro Toninelli e presidente dell'osservatorio sulle povertà pubbliche, sono convinti che quella visita non programmata di fine anno, servita a verificare il non avanzamento ingiustificato del cantiere, abbia contribuito a mandare ai responsabili dei lavori un messaggio forte e chiaro, tanto che di lì a pochi giorni le operazioni di ripristino erano ripartite con tutta un'altra ''verve'' arrivando, come da promesse, alla riapertura ciclopedonale dello scorso 28 marzo. L'onorevole Traversi è però tornato questa mattina a Calusco perché la situazione è tornata all'inizio. Di operai al lavoro non se ne vedono più dalla fine del mese scorso, senza un motivo apparente. Ciò ha contribuito a far montare la rabbia all'interno del Comitato e non solo. Per alcuni è l'ennesima ''presa in giro'', e se è vero che RFI conta di riaprire il Ponte al traffico veicolare entro dicembre, allora è presumibilmente vero, come sostengono dal Comitato, anche che senza questo mese di stop le auto avrebbero potuto iniziare a transitare sul San Michele diversi giorni prima.

La visita odierna di Traversi, tenuta segreta fino a poche ore prima del suo arrivo per evitare, come successe quando arrivò Toninelli, il 15 dicembre scorso, che il Ponte si riempisse tutto ad un tratto di operai, e quindi parsa più una ''soffiata'', il quale poi riporterà le sensazioni raccolte al Ministro e nel gruppo di lavoro dell'osservatorio alle povertà pubbliche che sta studiando - come ha ammesso lo stesso Traversi - il caso, è stata organizzata con la speranza che sortisca lo stesso effetto della prima arrivata a poche ore dall'ultimo capodanno. ''Il Comitato San Michele ha sempre avuto l'appoggio dell'onorevole Traversi, la persona che più si sta interessando alla nostra vicenda territoriale, con tutti i disagi e le grosse criticità che ne conseguono'' ha commentato durante l'incontro Ruben Bergonzi, presidente del sodalizio sorto in difesa del Ponte. ''E' grazie a lui se la scorsa volta i lavori sono poi andati come dovevano.

Traversi con Ruben Bergonzi, presidente del Comitato San Michele
Oggi però si sono inspiegabilmente fermati. Quando l'onorevole mi ha chiamato, chiedendomi come procedeva, gli abbiamo dovuto spiegare come stanno le cose e che abbiamo il dubbio che la l'impresa Notari non abbia modo di andare avanti con i lavori perché manca il progetto esecutivo. Questa per noi sarebbe l'unica giustificazione accettabile''. Un fatto che sarebbe tuttavia grave, per il Comitato, che da tempo chiede di poter avere una copia del progetto (quello relativo al rinforzo della parte strutturale) o che venga quantomeno mostrato in ad un tavolo tecnico al quale possano prendere parte anche i suoi esponenti. ''RFI sostiene che il progetto esecutivo c'è e secondo alcuni rappresentanti delle istituzioni locali esiste da dicembre'' ha proseguito Bergonzi. ''A noi, però, non lo hanno mai dato e perciò ci viene il dubbio che non ci sia. L'unico modo per sentirmi smentito sarebbe quello di poterlo vedere''.

Traversi a colloquio con Marco Ardenghi, esponente del Comitato San Michele

Quella del tavolo tecnico mai convocato è un'altra questione aperta, ancora non chiarita per il Comitato.''Sappiamo che in alcune occasioni, durante i lavori, il Ponte ha sostenuto un peso di almeno 400 quintali, cioè l'equivalente di almeno cinquanta vetture'' ha quindi commentato durante il vertice con l'on. Traversi Marco Ardenghi. ''Sulla struttura ce ne stanno al massimo venti. Vogliamo quindi capire quindi capire come saranno usati quei 20 milioni di euro stanziati, ma fino ad ora non abbiamo avuto nessun riferimento tecnico per parlarne''. A promettere  di provvedere personalmente a chiedere che venga indetto un confronto sulle questioni più tecniche delle operazioni di rinforzo alla struttura, già peraltro imparte completate sulle aste portanti, ci ha pensato Traversi.

''La situazione di blocco dei lavori ci pare inspiegabile'' ha dichiarato l'onorevole. ''Tutto già parte da una situazione poco chiara del perché il Ponte non poteva più reggere. Le ragioni della chiusura non sono così evidenti, dopodiché i lavori non iniziavano nemmeno e i due territori erano quasi in ostaggio. La nostra prima visita aveva dato una scossa, ma ora che la situazione è tornata come prima cercheremo di capire che cosa è successo. Non è possibile che siano previsti due anni di lavori, ma per uno e mezzo tutto sia fermo. Presto chiariremo se c'è stato un problema o se non c'è stato''.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco