Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 438.466.419
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Merateonline > Associazioni > Fotogruppo Effeotto
Scritto Lunedì 29 aprile 2019 alle 08:58

Cernusco: inaugurata la mostra con opere di Franco Torazza e del nipote Walter Rocca

È stata allestita la mostra per ricordare l'artista Franco Torazza e il fotografo Walter Rocca, suo nipote. Un'esposizione che arriva a un anno dalla morte dello storico direttore artistico del Fotogruppo Effeotto, avvenuta il 20 aprile 2018 nello stesso giorno del 99° anniversario della nascita di suo zio.

Raffaella Torazza, la moglie di Walter Rocca Luisa, Cristiana Torazza, Giuseppe Gironi e la sindaca Giovanna De Capitani

A ricordare il suo grande amico durante l'inaugurazione di sabato 27 aprile è stato il presidente del sodalizio Giuseppe Gironi, che ha condiviso con il numeroso pubblico giunto in piazza della Vittoria alcuni momenti vissuti assieme dalla gioventù fino ai tempi più recenti.

«Avevamo una camera oscura in via Valle. Si stampava, si appendevano le foto e nel frattempo si ascoltava De André: l'Antologia di Spoon River - ha rievocato Gironi - Volentieri poi andavamo a trovare lo zio Franco che abitava lì vicino». Poi il periodo dei servizi fotografici al seguito del complesso di Tony Spada, che aprirono le porte ad altri appuntamenti ai maggiori festival musicali dell'epoca, non esclusivamente in Italia. Il presidente del Fotogruppo ha fatto emergere le svariate sfaccettature del suo caro amico Walter: dalla passione per i minerali, indagati anche attraverso l'obiettivo della macchina fotografica, al volontariato per la Croce Bianca a Besana. In sala c'erano anche alcuni volontari del Gruppo alpini di Cernusco, di cui faceva parte Walter.

Gironi lo ha ricordato poi per essere stato il motore del Concorso Fotopittorico ad Arlate e per aver dato vita a Cernusco nel 2013 all'iniziativa "Arte in Piazza" nel cortile del Municipio, traendo spunto da quanto lo zio Franco aveva promosso a Milano e a Bobbio. «Walter era un duro. Io lo invidio, anche nei momenti di sconforto aveva la forza di reagire - ha ricordato con un pizzico di commozione Gironi - Sapeva essere estremamente pignolo, in modo particolare nell'allestimento. Ci diceva sempre che doveva esserci il colpo d'occhio». In sala sono state esposte una trentina di fotografie, quelle più identificative del suo stile, e alcune inedite opere pittoriche che ancora più segnano il legame con suo zio Franco, omaggiato con 13 suoi quadri messi a disposizione dai familiari. «Ci sono delle persone che lasciano un segno con discrezione, gentilezza e riservatezza - ha dichiarato la sindaca Giovanna De Capitani riferendosi a Walter Rocca - Lui è riuscito in ogni ambiente che ha frequentato a lanciare un seme di esempio. Anche in Comune con le sue ricerche in archivio ha saputo seminare gentilezza».

La mostra sarà ancora visitabile il prossimo fine settimana (4 e 5 maggio), sempre presso la Sala Mostre di piazza della Vittoria di Cernusco Lombardone, dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 15.00 alle 19.00.
M.P.
Associazione correlata:
- Fotogruppo Effeotto
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco