• Sei il visitatore n° 475.920.311
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 06 aprile 2019 alle 14:43

Cernusco: assolto il pensionato accusato di truffa dalla G.d.F. per il suo livello di cecità

Assolto perchè il fatto non sussiste. E' la sentenza pronunciata nei giorni scorsi dal giudice monocratico del tribunale di Lecco, Martina Beggio, nei confronti di L.B., classe 1941 e residente a Cernusco. L'uomo è finito a processo a seguito di un'inchiesta avviata cinque anni fa dalla Guardia di Finanza, sfociata poi in una denuncia per truffa aggravata.
Per le Fiamme Gialle e per la Procura di Lecco che aveva coordinato le indagini, l'uomo - affetto da cecità assoluta secondo quanto risultava all'Inps - avrebbe incassato illegittimamente un'indennità superiore a quanto gli spettava. I finanzieri infatti lo avevano sorpreso mentre era intento a leggere la corrispondenza postale e a prendere lezioni di ballo. Scene di ordinaria quotidianità che erano state immortalate attraverso scatti fotografici, poi confluiti nel fascicolo giudiziario a carico del pensionato, assistito di fiducia dall'avvocato Emanuele Drogo del foro di Monza. Quest'ultimo nel corso nel dibattimento ha spiegato come il proprio assistito sia affetto fin dagli anni Settanta da una patologia della vista degenerativa, che all'epoca dei fatti gli consentiva di visualizzare a malapena le ombre, distinguendo soltanto i chiari/scuro. Una condizione che sarebbe quindi compatibile con le attività quotidiane svolte dall'anziano, ''immortalate'' in parte dalle Fiamme Gialle nel dossier fotografico redatto.
Ad arricchire l'istruttoria anche la perizia disposta dal giudice al medico oculista dottor Ettore Destro - finalizzata a stabilire se all'epoca dei fatti l'imputato fosse affetto da cecità totale oppure parziale, come avrebbe rilevato l'indagine della Guardia di Finanza - e quella del consulente di parte scelto dalla difesa, il dottor Leonardo Colombo. Entrambi hanno sottoposto a tutti gli accertamenti del caso il 77enne, che ha scelto di avvalersi del rito abbreviato.
Martedì pomeriggio la conclusione del processo: dopo essersi ritirata in camera di consiglio infatti, il giudice Martina Beggio ha assolto con formula piena il cernuschese perché il fatto non sussiste.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco