Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.138.962
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Sabato 23 marzo 2019 alle 10:16

Montevecchia: per affrontare la criticità di via Kennedy, il sindaco scrive alla Provincia. ''Situazione intollerabile, qualcosa va fatto''

''La situazione di Via Kennedy è intollerabile. Ho abitato a Ostizza per trentacinque anni e ho ben presente la pericolosità di quella strada, dalla quale passano ogni giorno tantissimi veicoli e mezzi pesanti diretti verso la tangenziale. Di quello che è successo in passato non mi interessa: è necessario però fare qualcosa al più presto''.
Ha usato queste parole il sindaco di Montevecchia, Franco Carminati, per introdurre la conferenza stampa convocata questa mattina per ''fare il punto'' sulla situazione viabilistica che caratterizza il suo comune, attraversato da nord a sud da un'arteria importante come la SP54 e pertanto caratterizzato da molteplici situazioni di criticità, date soprattutto dalle immissioni sulla strada provinciale e dall'assenza lungo l'intero asse viario, di una rotatoria.

Il sindaco Franco Carminati

Lo spunto per affrontare pubblicamente il tema - dopo l'intervento dei giorni scorsi sulla nostra testata - glielo ha fornito l'ennesimo sinistro stradale verificatosi nel pomeriggio di mercoledì, quando un'auto ed un camion si sono scontrati all'incrocio fra Via Kennedy e l'arteria provinciale. Un impatto violento, con conseguenze fortunatamente non gravi dal punto di vista sanitario, ma importanti per quel che riguarda la viabilità locale, rimasta bloccata per quasi due ore, sino a quando la carreggiata non è stata liberata dalla presenza dei mezzi di soccorso e di quelli coinvolti.
''Quando un tir sale o scende da Via Kennedy si mette in una condizione di pericolosità altissima, soprattutto nella svolta a sinistra verso Missaglia. Anche perchè i mezzi che viaggiano sulla provinciale procedono a velocità sostenuta. L'immissione in salita poi, è un ulteriore elemento di criticità che va affrontato: non so come, ma qualcosa va fatto'' ha aggiunto il sindaco del ''colle'', riferendo di aver posto già più volte la problematica all'attenzione della Provincia di Lecco, titolare della SP54. ''Abbiamo stanziato 12mila euro per sistemare l'accesso verso Via Kennedy, che proprio a seguito del continuo passaggio di camion, presenta un avvallamento. Per quanto riguarda l'incrocio, non posso dire io se la soluzione più adatta sia una rotonda o qualcos'altro: saranno i tecnici ad affrontare il problema. La condizione di pericolo però c'è e una soluzione va cercata''.



L'intersezione fra Via Kennedy e la strada provinciale 54



Carminati ha spiegato di aver scritto a Villa Locatelli, ma anche ai colleghi di Missaglia, Bruno Crippa e di Lomagna, Stefano Fumagalli. Se il primo condivide, territorialmente parlando, la problematica e ha più volte manifestato la necessità di prendere provvedimenti viabilistici, il secondo è stato interpellato dal primo cittadino di Montevecchia in considerazione dell'imminente insediamento della Fiocchi Munizioni nell'ex area RDB. Una presenza che a detta di Carminati potrebbe aumentare il traffico pesante in transito lungo l'arteria. ''In passato a mio avviso sono stati fatti degli errori'' ha aggiunto il sindaco, riferendosi alla vicina rotonda di Lomaniga all'altezza di Via Molgora e della parrocchia, a suo avviso meno urgente di quella di Via Kennedy. ''Non so chi abbia sbagliato e non mi interessa, ma qualcosa, anche di estemporaneo, va fatto subito, in attesa di una programmazione futura con degli investimenti mirati'' ha concluso, indicando la sicurezza viabilistica come priorità anche per la sua amministrazione, pronta eventualmente a fare la propria parte.

Gli impianti semaforici sulla SP54 a Montevecchia

Carminati ha poi allargato il campo al tema viabilistico più generale, tenendo conto - come dicevamo in apertura - che la parte bassa del paese è attraversata dalla strada provinciale e la viabilità regolata dai due impianti semaforici delle ''quattro strade'' e in zona farmacia. C'è poi l'immissione, pericolosissima, sulla SP54 da Via Bassa del Poggio, e il ''cul de sac'' rappresentato dal comparto scolastico di Via del Fontanile, la zona della casetta. ''Alle quattro del pomeriggio uscire da quella zona è un vero delirio: bisognava pensare ad un secondo sbocco verso Cernusco dalla zona del Pestalotto'' ha aggiunto il primo cittadino, spiegando come l'intenzione prossima sia quella di provvedere ad un aggiornamento tecnico del semaforo delle quattro strade, per renderlo maggiormente funzionale alle necessità viabilistiche, visto che in tutti questi anni la realizzazione di una rotonda all'incrocio si è rivelata quasi impossibile, in primis dal punto di vista tecnico. Un intervento che in maniera molto onesta, Carminati ha spiegato non sarà comunque sufficiente a risolvere tutte le criticità attuali. Intanto a suo avviso è stata buona cosa pensare ad una nuova location per il centro raccolta rifiuti che sarà prossimamente trasferito in Via degli Artigiani, a due passi dalla SP54, ma con delle corsie di protezione da sviluppare per poter garantire l'immissione in sicurezza dalla provinciale.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco