Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.139.653
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Lunedì 04 marzo 2019 alle 08:29

Calco: gli scienziati incontrano gli studenti delle medie grazie al progetto ''Che fisica''


Pierangelo Marucco, fondatore di ''La Semina'', la docente Paola Consonni,
la laureanda in astrofisica Giulia Pantiri e l'ingegnere Gianni Grazia

La scuola si fa ''agenzia culturale'', gli scienziati incontrano gli alunni e il territorio fa rete per una missione comune: spiegare in classe i fenomeni fisici del mondo. Alla primaria di secondo grado di Calco è in corso in queste settimane il progetto ''Che fisica'', promosso in collaborazione con l'associazione meratese ''La Semina'' e finanziato dall'Amministrazione comunale all'interno del Piano per il Diritto allo Studio del corrente anno scolastico.

VIDEO


Coinvolte tutte e sei le sezioni dell'Istituto, con le insegnanti di matematica stimolate in prima persona a rimettersi in gioco, aggiornando il proprio bagaglio scientifico per accrescere quello degli studenti. Dopo tutto, come ha spiegato la docente Paola Consonni sabato mattina, 2 marzo, nel corso della presentazione del progetto fatta davanti ai genitori delle prime, ''in futuro questi ragazzi, o almeno la maggior parte di loro, si ritroveranno ad avere a che fare con la fisica, alcuni non solo alle superiori ma anche in ambito professionale, ed essendo una materia piuttosto ostica crediamo sia il caso che incomincino a conoscerla''.

Ecco allora che serviva fare entrare a scuola degli scienziati veri, pronti a diffondere il loro sapere. Delle figure che ''La Semina'', che delle divulgazione scientifica e culturale ha sempre fatto il suo marchio di fabbrica, non ha avuto difficoltà a reperire. Figure come quella dell'ingegnere Carlo Antonini, ricercatore dell'Università Bicocca, grande esperto di ''oggetti volanti''.

Pierangelo Marucco

Giulia Pantiri

Nelle classi in cui è intervenuto, come spiegato da Pierangelo Marucco (fondatore dell'associazione ''La Semina'') nell'incontro di sabato mattina, l'ing. Antonini ha descritto le dinamiche per cui gli aerei riescono a volare, soffermandosi sulle modalità studiate dagli scienziati per evitare che, ad alte quote, i sistemi di governo dei velivoli ghiaccino e rendendone perciò impossibile il comando da parte dei piloti.

Paola Consonni

Oppure figure come quella di Giulia Pantiri, astrofisica in procinto di laurearsi che ha come relatore di tesi nientemeno che il dr. Stefano Covino, presidente di ''La Semina'' e ricercatore dell'Osservatorio Astronomico di Merate. La giovane laureanda, invece, ha concentrato le sue lezioni sullo studio di quel fenomeno della fisica che tutti conosciamo come luce. ''In particolare - ha raccontato - mi sono concentrata su tutto ciò che non è visibile in quelli che definiamo fasci di luce, introducendo agli studenti i concetti di onde radio, raggi gamma, spettro elettromagnetico, tutti elementi che riteniamo slegati ma che, in fondo, sono la manifestazione dello stesso fenomeno''.

L'ing. Gianni Grazia

Con l'aiuto del kit Arduino, una tavola per la comporre circuiti elettrici che svolgano determinate funzioni, l'ingegnere informatico Gianni Grazia, già membro del direttivo della Semina, agli studenti delle medie di Calco ha mostrato il meccanismo piuttosto semplice di come funziona un sensore di parcheggio, ovvero attraverso il calcolo della distanza e l'utilizzo di un ''bip'' modulare che determina se l'oggetto è più o meno vicino. L'ing. Grazia, nel suo intervento, ha speso alcune parole per indicare, dall'alto della sua esperienza, come i tempi correnti abbiano di fatto mutuato il modo in cui i giovani devono approcciarsi allo studio e all'apprendimento. ''Oggi trovare le informazioni non è più difficile come un tempo, sono in rete - ha commentato - Tutto sta nel spiegare ai ragazzi non tanto come reperire la conoscenza, ma come impiegarla''.
A.S.
Associazione correlata:
- La Semina
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco