• Sei il visitatore n° 507.027.137
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 24 febbraio 2019 alle 11:21

Bernareggio: il buon uso di Internet per cercare lavoro

L'importanza della ricerca del lavoro, messa in pratica con il buon uso delle nuove tecnologie. Questo l'argomento oggetto del primo dei quattro incontri formativi a Bernareggio, incentrati sulle opportunità del digitale e patrocinati dal comune, con la collaborazione dell'associazione Pinamonte. Una lezione particolare quella di sabato mattina all'auditorium Europa, con un esperto del settore d'eccezione, il giornalista hi-tech, scrittore e formatore Gianluigi Bonanomi. "Oggi, con gli strumenti a disposizione, non è più giustificata l'ignoranza di chi cerca lavoro alla cieca. Allo stesso tempo, restare fuori dal campo della ricerca del lavoro per 10-15 anni può essere rischioso in un periodo dove tutto sta cambiando velocemente".


Gianluigi Bonanomi con l'assessore alle Politiche Sociali Jamila Abouri

La premessa doverosa di Bonanomi è partita dalla constatazione che cercare lavoro, se fatto bene, è già di per sé un lavoro. Ma perché è così importante tenere aperto anche il canale della ricerca online? Per diverse ragioni. Intanto per potersi autocandidare facilmente in qualsiasi momento. Uno strumento, quello dell'invio del curriculum online con l'autopresentazione, estremamente utile perchè sempre consultabile in un archivio, anche qualora in quel momento non risultino aperte posizioni nell'azienda in questione. E poi perchè alle stesse aziende costa meno consultare i cv in archivio piuttosto che dover pagare appositamente i motori di ricerca o le varie agenzie interinali, che sono mosse da logiche profittevoli. Inoltre, statisticamente l'autocandidatura è la modalità di ricerca lavorativa che ha più successo, posto che anche le stesse agenzie del lavoro, così come strutturate oggi, danno basse percentuali di successo.



Ci sono poi modi e modi per compilare il curriculum. "Inviare mille candidature tutte uguali a committenti di settori diversi non ha obiettivamente senso - ha spiegato Bonanomi - per assurdo per ogni profilo di candidato si potrebbero compilare tre o quattro curriculum diversi a seconda dell'ambito dell'azienda, riadattandoli ogni volta e ricordando il loro scopo comunicativo. Nel curriculum devo essere in grado di raccontare in maniera semplice la mia professione, cercando di soddisfare le prerogative del profilo ricercato. L'autoincensamento, ad esempio, non funziona". Tanti, ancora, i consigli dispensati da Bonanomi per la redazione di un curriculum il più completo possibile, non solo sui contenuti, ma anche a livello formale, un aspetto non secondario, eppure spesso trascurato. Dai grassetti, per mettere in sovraimpressione le competenze, all'utilizzo dei font senza le cosiddette grazie, per rendere la presentazione più professionale. Fino alla sottolineatura delle competenze trasversali nel bagaglio, che alcuni datori potrebbero tenere più in considerazione rispetto alle competenze specifiche, in quanto testimoni di maggiore versatilità. In quanto ai social, oggi anche Facebook dà la possibilità alle aziende di inserire inserzioni a pagamento per potenziali assunzioni. Insomma, tanta carne al fuoco per un argomento senza dubbio di grande attualità, con la carrellata sui motori di ricerca, le app e i siti più accreditati per la ricerca del lavoro online a completare una lezione, per i presenti, spendibile fin da subito.
M.L.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco