Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 413.626.421
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 29 gennaio 2019 alle 19:26

I cieli meratesi ''invasi'' da nuvole di storni che cercano cibo e un clima meno avverso

Migliaia di storni hanno ormai da giorni ''preso possesso'' dei cieli meratesi, incantando con le loro danze sincronizzate decine di nostri lettori che non hanno mancato di segnalarci il fenomeno inviandoci foto e video da diverse parti del territorio: Cernusco, Imbersago, Paderno, Novate e Merate solo tra ieri ed oggi, mentre alcuni giorni fa avevamo raccolto testimonianze dello stesso genere anche da Arlate ed Olgiate.

Tra Merate e Novate


In molti potrebbero giurare di non aver mai visto nulla di simile, almeno negli ultimi anni. Eppure Giovanna Pirotta, esperta ornitologa del CROS di Varenna (acronimo di Centro di Ricerche Ornitologiche Scangatta), residente a Merate, ha spiegato trattarsi di un comportamento del tutto normale, tipico degli stormi che, probabilmente, quest'anno hanno deciso di ''invadere'' le nostre zone in numero molto più elevato rispetto al passato.

VIDEO


''Nelle grandi città come Milano, Pavia e Roma di questi tempi non è raro vedere grosse nuvole di stormi che si radunano tutti insieme per dormire, in alcuni casi creando anche una problematica di guano'' ha commentato l'esperta. ''Lo storno abita anche nel meratese. Solitamente sta in zone di campagna ma, specie in questo periodo, si sposta volentieri in aree abitate dove ha più disponibilità di cibo o, ad esempio, piante di cachi dove radunarsi e spolpare tutti i frutti''.

Santa Maria

 

 

Paderno

 

Anche il clima rigido di certi luoghi pianeggianti, ha aggiunto Pirotta, potrebbe avere influito nella ''decisione'' che gli storni hanno preso di stabilirsi per un po' a Merate, con quel fascino che solo la natura può esprimere.


Articoli correlati
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco