Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 400.087.210
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/06/2021
Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 22 µg/mc
Lecco: v. Sora: 28 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc

Scritto Mercoledì 28 novembre 2018 alle 13:45

Montevecchia è l'unico comune ''rifiuti free'' della provincia secondo Legambiente. A Dervio preoccupano le microplastiche

Tra i 299 Comuni Rifiuti Free dell'elenco stilato da Legambiente Lombardia, l'unico a figurare in provincia di Lecco è Montevecchia.

Il colle, infatti, è stato l'unico a superare il 65% di raccolta differenziata e a ridurre sotto i 75 kg per abitante il residuo secco indifferenziato (per la precisione 73,4 kg/ab/anno e una percentuale di RD di 73,20 col vecchio metodo arpa e di 83,20 col nuovo metodo).

Il risultati sono stati illustrati all'Ecoforum rifiuti dove è stato presentato il dossier "Comuni ricicloni 2018" giunto alla XXV edizione e realizzato in collaborazione con l'Osservatorio Rifiuti Sovraregionale di Arpa Lombardia.
La percentuale regionale di differenziata è pari al 69,7% con grandi scostamenti in tutto il territorio lombardo. Con Lecco solo le province di Pavia e Sondrio annoverano un comune virtuoso. Como e Lodi ne hanno tre. 59 quelli in provincia di Mantova, 49 nella bergamasca e nel bresciano. Montevecchia si colloca tra i migliori Comuni Rifiuti Free sono i 10mila abitanti assieme a Bianzano (Bg), Acquafredda (Bs), Martignana di Po (Cr), Rodero (Co), Sustinente (Mn), Cisliano (Mi), Lesmo (Mb), Bregano (Va), Casalmaiocco (Lo), Scaldasole (Pv), Piuro (So).

Per quanto riguarda i comuni a ridosso del lecchese troviamo nella lista "rifiuti free" Calusco d'Adda con un residuo per abitante di 74 kg e una raccolta differenziata, secondo i due valori di 83,90% (nuovo metodo) e di 70,20 (vecchio metodo). Molto buoni i risultati per Usmate velate (34,2 kg di residuo secco per abitante all'anno), Bernareggio (42,7 kg/ab/anno), Ronco (43,4 kg/ab/anno). Rientra nella classifica per un soffio anche Carnate con 74, 9 kg/ab/anno.
La provincia di Lecco resta dunque lontana da aree virtuose come quelle della bergamasca che in alcuni comuni sono riuscite ad arrivare a soli 29,5 kg di residuo secco all'anno per abitante (Brianzano), meno della metà rispetto a Montevecchia (73,4 kg/ab/anno), entrata nella classifica per il rotto della cuffia.

Nella tabella allegata (CLICCA QUI) con tutti i dati si evidenzia il cambiamento, in termini di percentuale di raccolta differenziata, prodotto dal nuovo metodo di calcolo di cui al Decreto del Ministero dell'Ambiente del 26 maggio 2016 che include nel calcolo della raccolta differenziata i rifiuti da spazzamento stradale avviati a recupero, i  rifiuti provenienti da piccoli interventi di rimozione eseguiti direttamente dal conduttore della civile abitazione (fino a 15kg/ab/anno) e i rifiuti avviati a compostaggio domestico dalle singole Utenze (fino a 80kg/ab/anno).


Nel dossier c'è infine anche un capitolo dedicato alle microplastiche nelle acque interne italiane dove si identifica la presenza delle microparticelle nei bacini dell'intero paese (il lago Maggiore, il Como, l'Iseo e il Garda per il nord, il Trasimeno e il Bracciano per il centro). Il nostro lago è stato "scandagliato" solamente nella parte settentrionale del bacino e presenta una densità media di 157mila particelle per chilometro quadrato, raggiungendo un picco di oltre 500mila particelle (CO2, nel grafico) nel secondo transetto collocato più a nord, in corrispondenza del restringimento tra Dervio (Lc) e Santa Maria Rezzonico (Co).
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco