Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.769.068
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/08/2020

Merate: 15 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Mercoledì 17 ottobre 2018 alle 16:15

Merate:al Villoresi guanti e camici bianchi da scienziato



Mattinata molto particolare quella di martedì per gli studenti di terza media del Villoresi: sotto la guida della prof.ssa Serena Barulli e di teacher Angela Heather Jury (le lezioni avvengono sempre in italiano e inglese), nel laboratorio di scienze gli studenti hanno condotto l'osservazione, la dissezione, la riproduzione grafica e lo studio del cervello usando cervelli suini.



 "In tempi di didattica 2.0, di LIM e tablet, di approfondimenti condotti con facilità attraverso i documentari video - ci dice Stefano Motta, preside del Collegio - è importante recuperare la dimensione manuale, pratica, concreta della conoscenza. Far toccare con mano le cose è davvero importante perché l'esperienza della scuola sia vero apprendimento nel senso etimologico dell'alunno che "si impadronisce" del sapere, non solo trasmissione della conoscenza".



Nessuno che si sia impressionato?
Qualche studentessa sì: nulla di non gestibile. È stata forse più l'idea di maneggiare un cervello (piccolo: è incredibile come sia piccolo il cervello dei suini rispetto al corpo) che non l'impressione in sé.



Li vediamo tutti in camice e guanti...
Camice, occhiali e guanti sono i dispositivi personali di protezione per accedere in sicurezza alle attività di laboratorio e anche per sentirsi un po' di più dei veri scienziati. C'è un'attenzione all'ordine e alla sicurezza e una preoccupazione pedagogica. La scuola vive delle sue particolari liturgie: se guardo Superquark sul divano di casa mia lo posso fare in bermuda e maglietta, se entro in un laboratorio - quale che sia - mi vesto per il ruolo.



Il laboratorio di scienze è un luogo frequentato con assiduità o serve solo occasionalmente per questo genere di approfondimenti?
La nostra scuola media è strutturata secondo un'articolazione a college, con aule disciplinari suddivise a cluster per dipartimenti: in pratica sono i docenti ad avere la propria aula, non le classi. Gli alunni hanno ciascuno il proprio armadietto personale e si recano per le lezioni nelle aule-laboratori specifici: spagnolo nell'aula di spagnolo, geostoria nell'aula dedicata, scienze - appunto - in laboratorio.


© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco